Il Primato Nazionale mensile in edicola

ClassificaCorruzioneRoma, 27 gen – Nessuno si aspettava di essere classificati tra le nazioni più virtuose, ma certo finire dietro a Grecia e Bulgaria fa un certo effetto. L’Italia è dunque il secondo paese più corrotto d’Europa, male anche a livello globale non ce la passiamo tanto bene. La classifica è stata stilata denominata Corruption Perceptions Index 2015 è stata stilata dal Transparency International, una organizzazione non governativa che ogni anno si occupa di stilare il ranking globale sulla corruzione pubblica percepita.

Se guardando ai 28 membri dell’Unione Europea non c’è da stare allegri, anche con uno sguardo più ampio i dati parlano chiaro: con un punteggio di 44 punti ci classifichiamo al 61esimo posto su 168 nazioni censite, ovvero peggio dell’Arabia Saudita e al pari con il Sudafrica per intenderci.

E’ chiaro che si tratta di una classifica basata sulla percezione, dove a contare è anche l’opinione di potenziali investitori esteri, ma proprio in termini di reputazione colpisce come nonostante gli sforzi dei vari Cantone di casa nostra e il vento moralizzatore dei Cinque Stelle, negli ultimi due anni le cose siano addirittura peggiorate, sorpassati in credibilità anche da greci e rumeni. In realtà se si analizza la classifica generale, l’Italia passa dal 69esimo al 61esimo posto, davvero una magra consolazione. A guidare la classifica dei più virtuosi, manco a dirlo, sono i paesi scandinavi, seguiti a ruota da quelli dell’Europa Occidentale come Germania e Regno Unito. Bene anche Stati Uniti e Giappone. Certo, se come diceva Ezra Pound “il tesoro di una nazione è la sua onestà”, stiamo messi davvero male.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. dobbiamo stupirci di questa cosa? in questo paese si deve fare pulizia questa è la brutale verità ,oramai il marcio in questo paese ha raggiunto tt livelli della società (veramente tt) servono metodi semplici e sopratutto efficienti ………a sangue caldo direi n’a bella pallottola nel cranio(costo 20¢) democraticamente non si va da nessuna parte .

  2. va bheè ma di pietro ci ha salvato dalla corruzione , prima gli usa ci ha salvato dalla mafia , saviano dalla camorra e benigni finalmente è ospite d onore al vaticano
    Insomma dal 1943 abbiamo fatto grandi progressi
    Poi il massimo della democrazia e della liberta d informazione è vedere come riducono in prigione o di botte gli storici che vorrebbero raccontare storie non dette
    I campi fema poi saranno qualche follia aliena per chi vorrà essere normale ?

Commenta