Il Primato Nazionale mensile in edicola

203120528-4a9c9455-cd90-4980-b33d-849dce670a0cRoma, 27 gen – “Gli Italiani sono un popolo molto ospitale, hanno fatto di tutto per metterci a nostro agio, anche cose non richieste da noi“. Ci ha pensato il presidente iraniano, Hassan Rohani, a togliere ogni dubbio sul fatto che la scelta di coprire le statue di nudo ai musei capitolini sia stata opera di Renzi. Che la richiesta non venisse da quei cattivoni islamici degli iraniani ma che si trattasse di uno spontaneo atto di sottomissione del nostro governo era apparso palese fin da subito, almeno per chi tiene sempre a mente la pochezza culturale del nostro premier e dei suoi collaboratori. Ovviamente ora, in pieno stile italiano, fatta la figuraccia è cominciato il gioco dello scaricabarile. Ad inaugurarlo è il ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini: “Né io, né Renzi eravamo stati informati della scelta di coprire le statue”. La Sovrintendenza capitolina ai Beni Culturali però non ci sta ad accollarsi la colpa e risponde: “La misura non è stata decisa da noi, è stata un’organizzazione di Palazzo Chigi”.

E così mentre il governo tenta di scaricare la colpa a destra e a manca, intanto all’estero ci sfottono. “Roma copre le statue per evitare al presidente iraniano di arrosire”, titola il britannico Guardian. Ma le coperture riservate alla Venere Capitolina e al Dioniso degli Horti Lamiani non è passata inosservata nemmeno in Francia, dove il Figaro ha ricordato il proverbio “a Roma fai come i Romani”. Uno schiaffo dai francesi a cui potrebbe aggiungersene un altro. Secondo quanto trapela da Bbc News, “‘Italia ha anche scelto di non servire vino nei pranzi ufficiali, un gesto che la Francia, dove Rohani andrà a breve, si è rifiutata di compiere”. Questo affare delle statue e del vino dimostra ancora una volta l’atteggiamento sottomesso e cialtrone dei nostri governi e della nostra diplomazia. Episodi che proseguono nel solco tracciato dai baciamano a Gheddafi e al caso Marò, che ci ricordano in che genere di italietta siamo costretti a vivere nel 2016.

 

2 Commenti