Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 27 apr – Il provvedimento riguardante il prezzo calmierato della mascherine chirurgiche anti-contagio ha fatto storcere più di un naso: «0,50 euro l’una, senza Iva» aveva annunciato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, durante la conferenza stampa di ieri. A lamentarsi ora sono proprio i farmacisti, che sulla vendita delle mascherine in questo periodo stanno basando un cospicuo volume d’affari – in più di un caso arrivando a «gonfiare», forse un po’ troppo, i prezzi dei dispositivi – e che in questo modo, grazie al nuovo provvedimento, arriverebbero ad acquistare le mascherine ad un prezzo superiore a quello di vendita. In questo modo «lavoreremo in perdita quasi del 50 per cento». Addio affari con i dispositivi individuali, quindi.

A Napoli, per protesta, i farmacisti sono arrivati a sospendere la vendita «per autotutela della categoria a fronte della confusione informativa istituzionale sui prezzi». Proprio questa mattina il presidente di Federfarma Napoli, Michele Di Iorio, aveva diffuso una circolare ai colleghi della provincia: «Abbiamo assistito, a mio avviso, a un corto circuito informativo grave – spiega nel documento –. Il premier davanti a 60 milioni di italiani ha detto che le mascherine si venderanno a 50 centesimi senza Iva, contemporaneamente il commissario Arcuri ha scritto che si devono vendere a 50 centesimi più Iva, ovvero 61 centesimi».

Insomma, i farmacisti rimangono in attesa di «indicazioni nazionali chiare». Nel frattempo i cittadini rimangono privi delle mascherine che servirebbero a proteggerli dal virus. Di Iorio, solo una settimana fa, aveva proposto una iniziativa per calmierare i prezzi dei Dpi: Suggerendo l’acquisto centralizzato delle mascherine, per arrivare a vendere in tutte le farmacie della città le mascherine FFP2 a 4,90 euro e le chirurgiche a 1 euro, «un progetto che avrebbe creato un circolo virtuoso, inducendo le aziende ad abbassare i prezzi alla fonte».

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

7 Commenti

  1. I prezzi politici mi fanno schifo, ma ancor di più i farmacisti, vil razza dannata e protetta, esosi e pidocchiosi da sempre.

  2. Le mascherine obbligatorie sono un insulto all’ umanità e un modo per farci diventare dei robot come desiderato dai poteri occulti.Si vuole impedire qualsiasi empatia,solidarietà e comunione tra le persone poichè se io non vedo nemmeno l’espressione facciale di chi ho davati e lo vedo solo come un potenziale nemico che mi puo’ infettare, ogni rapporto umano e di solidarietà finirà.E’ quello che vuole chi ha creato ad arte una carcerazione di interi popoli quando si è visto che;
    -Non è stato dimostrato che la quarantena abbia ridotto i nuovi casi;la quarantena avrebbe dovuto diminuire i casi dopo i 14 giorni di incubazione; cosi’ non è stato.L’assurdità e la prova dell’ abuso di potere incostituzionale stà nel fatto che uno non puo’ nemmeno camminare da solo in mantagna
    -Tucker Carlson 3 gg. fa su fox news ha riportato che gli 8 stati in cui non si è fatto il lockdown ha prodotto una percentuale minore di positivi al cv e di morti!

      • Facile offendere dalla tastiera,vigliacchetto.Sei proprio un leone… della tastiera.Se vuoi un appuntamento per scambiarci delle idee non hai che da chiederlo.

  3. però quando c’era da venderle a 3-4-5 eur l’una, il fatto che fossero costate 90 cents era legittimo vero? VERGOGNATEVI!!!

  4. Qualche cosa di buono il coronavirus lo ha fatto… tanti papponi dello spettacolo e non dovranno andare a lavorare!

Commenta