Palermo, 20 giu – Non si fermano gli sbarchi sulle coste italiane. I più colpiti, in questi giorni, sono i porti siciliani e calabresi dove, tra Palermo e Raggio Calabria, sono arrivate 2mila persone. E questa mattina una barca a vela con a bordo 30 persone stata fermata da una motovedetta della Guardia di Finanza nei pressi dell’isola delle Correnti a Portopalo di Capopassero, Siracusa. L’equipaggio era formato da due russi. La nave attraccherà in mattinata nel porto di Augusta dove saranno avviati i controlli e le operazioni di sbarco.

Nella serata di ieri a Salerno sono sbarcati 526 immigrati, che erano a bordo della nave militare spagnola Canarias. 454 uomini e 53 donne, una delle quali incinta. E poi 19 minori: uno di loro non accompagnato, 16 di età inferiore ai 9 anni, e 3 tra i 9 e i 15 anni. Le principali nazionalità di provenienza sono: Ghana, Sudan, Senegal, Guinea, Gambia, Mali, Nigeria, Togo.

Quella a cui si sta assistendo è una raffica di sbarchi che sta mettendo in ginocchio la macchina dell’accoglienza. I funzionari della Prefettura ed il personale dell’Ufficio immigrazione della Questura di Vibo Valentia sono stremati dopo aver lavorato per quasi una settimana allo smaltimento dei 1251 profughi arrivati a bordo della nave “Diciotti”. E così a Vibo Marina si è deciso di bloccare l’arrivo delle navi di Guardia Costiera e ong fino al prossimo weekend.

Intanto nel Mediterraneo nel fine settimana si è verificato un altro naufragio: 126 i morti in un barcone affondato al largo della Libia. A raccontare del naufragio sono stati due sopravvissuti sudanesi, sbarcati a Palermo dalla nave Diciotti della Guardia Costiera. Insieme a due nigeriani sono gli unici a essere sopravvissuti al naufragio del gommone che era partito lo scorso giovedì dalle coste libiche. Dopo qualche ora di navigazione il barcone è stato raggiunto da trafficanti libici che hanno rubato il motore.

Anna Pedri

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here