Roma, 24 mag — Il governo spagnolo sta per lanciare una app per tenere conto del tempo dedicato da ciascun componente della famiglia alle faccende domestiche: lo ha annunciato
la Segretaria di Stato per l’Uguaglianza spagnola, Ángela Rodríguez. L’iniziativa nasce su impulso del ministro dell’Uguaglianza della pasionaria femminista Irene Montero e ha l’obbiettivo di monitorare quanto tempo ogni membro della famiglia spende per la cura della casa e i lavori domestici, per consentire una più equa suddivisione delle faccende tra i componenti del nucleo.

Arriva l’app per le faccende di casa

Motore dell’idea è stato un recente rapporto dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (Ocse), da dove è emerso che in Spagna le donne dedicano più del doppio delle ore degli uomini «alla cura dei bambini, alla pulizia della casa o alla pianificazione e alla spesa (cinque ore contro le due degli uomini)». Il governo, con questa iniziativa, cercherà di rendere più equa la distribuzione mettendo a disposizione degli spagnoli un’app che calcoli e ripartisca le ore giornaliere dedicate alla pulizia della casa e a tutte le mansioni ad essa correlata. Il mese di lancio, secondo le previsioni del ministero, dovrebbe essere settembre; sarà completamente gratuita e disponibile per il download sulle varie piattaforme.

Chissà cosa direbbe Laura Chiatti

L’applicazione non è tuttavia stata concepita solo per le famiglie, ma può adattarsi anche a gruppi di persone che condividono un appartamento, a chi vive con amici, così da poter contabilizzare in maniera totalmente equa l’ammontare delle ore pro capite dedicate alla gestione delle faccende domestiche. Sarà contraddistinto dall’immancabile «approccio femminista» e servirà a «portare alla luce molti compiti invisibili» che esulano dal tempo impiegato per pulizie, cura dei figli o cucina, solitamente svolti dalle donne e che a detta del governo «contribuiscono al loro carico mentale». Chissà cosa ne pensa Laura Chiatti, sostenitrice del principio secondo cui «l’uomo che fa le pulizie uccide l’eros».

Cristina Gauri

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. OTTIMO.
    adesso però vogliamo anche la app che quantifichi ESATTAMENTE il lavoro maschile e quello femminile,e quella che quantifichi L’ESATTO l’apporto economico di ognuno dei cogniugi nella coppia.

    e il cogniuge che lavora meno ore fuori casa o guadagna di meno,
    mi aspetto che parifichi le sue le ore di lavoro e i suoi guadagni
    fino ad essere in perfetto equilibrio.
    non ce la fa?
    problemi suoi…
    DEVE FARCELA,perchè la ministra è lì che vigila:e senz’altro punirà severissimamente
    tutti\e i cogniugi che non sono “congrui”

Commenta