Istanbul, 11 nov – Un ex spia britannica, ritenuto il fondatore dei “Caschi bianchiJames Gustaf Edward Le Mesurier, è stato trovato morto nella propria abitazione di Istanbul quest’oggi. Lo riporta il giornale turco Sozcu citando fonti dei servizi di sicurezza turchi. Ancora da chiarire le cause del decesso, non è esclusa l’ipotesi omicidio, come confermato dalla procura della metropoli sul Bosforo, con in secondo piano, al momento, l’ipotesi di un suicidio. Sarebbero stati i vicini di Le Mesurier a trovare il suo cadavere nelle prime ore di lunedì nel giardino di casa sua. Secondo le informazioni preliminari la polizia ritiene che si sia suicidato saltando dal suo balcone al terzo piano. Sempre secondo quanto riportato da Sozcu, Le Mesurier aveva assunto antidepressivi e non è stata trovata nessuna traccia di un colpo di pistola o di una ferita da arma da taglio sul corpo.

Chi era Le Mesurier

Le Mesurier, specialista della sicurezza privata britannica ed ex ufficiale dell’intelligence militare britannica, ha fondato i “Caschi bianchi” in Turchia nel marzo 2013, un’organizzazione non governativa registrata nel Regno Unito. Negli anni 2000, è stato vicepresidente di progetti speciali presso l’Olive Group, un’organizzazione mercenaria privata che in seguito si è fusa con Blackwater.

La Siria considera i “Caschi bianchi” terroristi

La Siria considera i “Caschi bianchi” una “organizzazione terroristica”, visto che ha sempre operato in aree controllate da militanti jihadisti, tra cui al Qaeda, al Nusra, come nella provincia di Idlib. Negli ultimi tempi poi sui social network sono comparse fotografie di militanti armati con insegne dei “Caschi bianchi” che hanno preso parte all’invasione turca contro i curdi nel nord della Siria. Per non parlare della creazione da parte dell’Ong super finanziata (anche da Trump) di video falsi atti a giustificare l’intervento militare occidentale in Siria contro il governo di Assad.

Ludovica Colli

Commenta