Il Primato Nazionale mensile in edicola

Washington, 19 gen – All’alba del suo addio alla Casa Bianca il presidente uscente degli Stati Uniti Donald Trump revoca, a sorpresa, le restrizioni per i voli dall’area Schengen, dalla Gran Bretagna, dalla repubblica irlandese e dal Brasile. La suddetta cancellazione entrerà in vigore dal 26 gennaio, esattamente una settimana dopo la fine del suo mandato. Lo ha reso noto un portavoce della Casa Bianca. Nessuna revoca, invece, per le limitazioni a Cina e Iran, a causa della «loro mancanza di trasparenza e della loro mancanza di cooperazione con gli Stati Uniti finora nella lotta alla pandemia».

Trump revoca le restrizioni per i voli da Ue, Uk e Brasile

Trump aveva firmato il provvedimento che imponeva le restrizioni dei voli all’inizio della pandemia per rallentare la diffusione del Covid-19 negli Stati Uniti. La decisione di revocarlo arriva in concomitanza della direttiva emessa il 12 gennaio scorso dai Centers for Disease Control and Prevention (Cdc). Dal 26 gennaio tutti i passeggeri in arrivo negli Usa da Paesi stranieri devono recare con sé un test negativo al Covid-19 o la documentazione attestante la guarigione.

…ma Biden è pronto a riconfermare le restrizioni

Tuttavia, l’entourage di Biden ha già dichiarato che l’ordine esecutivo di Trump in cui vengono revocate le restrizioni ai voli commerciali dall’Unione Europea, Regno Unito e Brasile, subirà un annullamento dal presidente eletto Joe Biden una volta insediato. Il provvedimento del tycoon scatterà il 26 gennaio ma il presidente Biden, il cui insediamento è previsto per domani 20 gennaio alle ore 12, lo annullerà.

La dichiarazione del portavoce di Biden

«Nel momento in cui la pandemia sta peggiorando e le varianti del virus si diffondono, non è il momento per togliere le restrizioni ai voli dall’estero», ha twittato la futura responsabile alla Comunicazione della Casa Bianca Jen Psaki commentando la decisione di Trump e annunciando un giro di vite sulle limitazioni anti-Covid. «Su consiglio dei nostri esperti sanitari, – prosegue Psaki – l’Amministrazione non intende revocare queste restrizioni il 26 gennaio, ma anzi intende rafforzare le misure di sanità pubblica riguardo ai viaggi internazionali per contenere ulteriormente la diffusione del Covid-19», ha concluso la futura portavoce.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

Commenta