Il Primato Nazionale mensile in edicola

Carson City, 7 gen  – Un pilota privato ha catturato immagini straordinarie del Nevada Test and Training Range (NTTR) e dell‘Area 51, mostrando una misteriosa forma triangolare all’interno di un hangar aperto.

Ufo o aereo sperimentale?

Gabe Zeifman, pilota privato e fotografo amatoriale, ha trascorso il giorno di Natale facendo volare il suo aereo Cessna 150 sulla zona e scattando poco più di 1.000 foto. L’hangar è appena a sud del complesso NTTR principale dell’Area 51 e l’oggetto sembra grande, anche se non l’immagine non è chiara. Sembra essere l’unico hangar aperto.

Il pilota e i video dei voli

Zeifman è un controllore del traffico aereo addestratore (ha sorvolato l’area in tre diverse occasioni, riporta Mystery Wire). Nei video dei suoi voli, pubblicati su YouTube, si può sentire Zeifman ottenere l’autorizzazione per il suo percorso nell’area riservata. Per questo volo in particolare, Zeifman aveva un’attrezzatura fotografica di qualità superiore che gli ha permesso di catturare foto migliori.

La storia dell’Area 51

L’Area 51 è solo una delle strutture militari sensibili situate all’interno del Nevada Test and Training Range (NTTR), una vasta area di addestramento militare nel deserto del Mojave del Nevada. I dettagli di tutto ciò che accade nell’Area 51 sono classificati come top secret e l’intensa segretezza intorno alla struttura ha portato a teorie cospirazioniste diffuse sul fatto che venga utilizzata per nascondere Ufo catturati o schiantati.

Fondata dalla Cia nel 1955

Ciò che è ufficialmente riconosciuto è che l’Area 51 è stata fondata dalla CIA nel 1955 come struttura di prova per l’aereo spia segreto U-2, e che probabilmente è stato utilizzato da allora per testare velivoli altamente classificati e sperimentali. Per quanto riguarda le implicazioni sulla sicurezza nazionale della condivisione delle immagini, vale la pena notare che la Russia può e fa sorvolare direttamente sull’Area 51 sofisticati aerei da ricognizione ai sensi del Trattato sui cieli aperti.

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta