Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 16 sett – Il Parlamento Ue chiede si fermare la “Mattanza” degli animali da laboratrio: nell’Unione europea, nel 2017, circa 12 milioni di animali sono stati allevati e uccisi nell’ambito di sperimentazioni scientifiche.



Parlamento Ue, verso lo stop agli animali da laboratorio

Una risoluzione votata a stragrande maggioranza nell’Aula di Strasburgo, invita la Commissione e Stati membri a “accelerare la transizione verso un sistema di ricerca che non utilizzi animali”. I deputati europei chiedono un piano d’azione a livello europeo, con obiettivi ambiziosi sì ma realizzabili, e anche scadenze precise per l’eliminazione graduale dell’uso di “cavie” da laboratorio nella ricerca e nella sperimentazione. Il parlamento Ue vuole ridurre, perfezionare e sostituire  le procedure sugli animali vivi per scopi scientifici, non appena “scientificamente possibile”. Senza, per questo, abbassare il livello di protezione della salute umana e dell’ambiente.

Finanziamenti per smettere di usare gli animali

Il Parlamento Ue propone anche di mettere a disposizione finanziamenti sufficienti a medio e lungo termine per garantire lo sviluppo di metodi sperimentazione alternativi che non contemplino vittime “viventi” in laboratorio. Aanche attraverso maggiori finanziamenti nell’ambito di Orizzonte Europa, il fondo Ue a sostegno della ricerca. I deputati europei affermano che scienziati, ricercatori e tecnici devono essere formati all’utilizzo di modelli avanzati  che non contemplino gli animali

Ci sono ancora molti studi da fare…

Il Parlamento, inoltre, riconosce che i precedenti test sugli animali da laboratorio hanno contribuito alla ricerca e ai progressi medici, non da ultimo i vaccini sicuri, ivi compresi i vaccini Covid-19. Secondo il parlamento Ue, esistono ancora molti casi in cui sono ancora necessari esperimenti sulle bestiole da laboratorio per ottenere informazioni scientifiche. Ma, sottolineano i deputati, questi regimi di test devono aver luogo solo nel caso in cui gli animali debbano subire un dolore minimo o comunque ridotto perché  la loro sofferenza non sia immane.

Ilaria Paoletti



La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. La scienza indiscriminata e crudele non dovrebbe interessarci. Anche perché gli animali a ben osservarli ti insegnano tutto senza bisogno di continuare ad infierire contro di loro. K. Lorenz insegna da dove partire.
    Non mi fido del parlamento Ue, temporeggia come sempre, lo chiameremo Parlamento Tomorrow!

Commenta