Il Primato Nazionale mensile in edicola

kryptonite2Belgrado, 20 mag – Altro che fumetti, altro che immaginaria sostanza radioattiva. La “kryptonite” esiste sul serio e potrebbe rappresentare una svolta nel campo dell’energia. Non è uno scherzo, un giacimento di “kryptonite” è stato scoperto in Serbia, nei pressi di Loznica. “La jadarite alimenta il futuro della società Rio Tinto nella produzione di batterie al litio”, recita il titolo dell’articolo pubblicato pochi giorni fa dall’Australian Financial Review. Già nel 2004 un team di esperti della società Rio Tinto era infatti andato alla ricerca di borati nella valle di Jadar, nel nord ovest della Serbia, ma i ricercatori scoprirono invece qualcosa di incredibile, un minerale unico e praticamente identico alla sostanza immaginaria fatale a Superman nel celebre fumetto americano: la kryptontie appunto.



L’unica evidente differenza è che la jadarite, nome scientifico del minerale realmente esistente e così ribattezzato come omaggio alla valle dove è stato scoperto, “è bianca e non verde”. Dettagli, neanche del tutto corretti se consideriamo che anche nel fumetto esiste una forma di kryptonite di colore bianco capace di distruggere ogni forma di vegetazione dall’Univerco Dc da cui proviene.  Nella realtà potrebbe al contrario risultare utilissima. Gli scienziati affermarono da subito che la jadarite avrebbe consentito di realizzare una quantità tale di batterie di lunga durata da rivoluzionare il mercato delle nuove applicazioni tecnologiche e secondo l’Australian Financial Review soddisfare il 20 per cento di richiesta mondiale di litio, dato che al suo interno ne contiene una quantità altissima.

In pratica la Serbia potrebbe risultare il più grande deposito di litio al mondo. Fumetti e sostanze immaginarie a parte, si tratterebbe di un colossale business per chi per primo metterà mano sui giacimenti di jadarite.  Non solo, la Morgan Stanley ha posto in questi giorni l’attenzione sui potenziali sviluppi del mercato dell’energia, la banca statunitense sostiene che entro il 2030 le vetture con motore elettrico potrebbero invadere il mercato automobilistico ricoprendo il 16 per cento della produzione mondiale. Il governo serbo ha già esteso la licenza per le esplorazioni, mentre la società Rio Tinto ha annunciato un investimento da 20 milioni di dollari entro la fine del 2017 per continuare le ricerche in Serbia. Il futuro bacino minerario, secondo il governo di Belgrado, varrebbe già 10 miliardi di euro. Insomma per i serbi, ma forse ancora di più per chi otterrà le concessioni per l’estrazione della jadarite, la reale “kryptonite” potrebbe risultare un business da favola. Alla faccia di Superman.

Eugenio Palazzini



La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta