Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 8 lug – Nuovo capitolo della guerra tra Giancarlo Magalli e Adriana Volpe. Tra i due non corre buon sangue dal marzo del 2017, quando litigarono in diretta tv. La Volpe rivelò l’età di Magalli, il quale si incazzò e le diede della “rompipalle”. La cosa si protrasse prima sui social e poi addirittura nelle aule di tribunale, con Magalli accusato di diffamazione. La Volpe alcuni giorni fa è tornata a stuzzicare Magalli. A “Ogni mattina“, programma che conduce su Tv8, si è resa protagonista di uno sketch con il conduttore Alessio Viola. “Alessio, è il tuo compleanno, 45 anni! Auguri!”, ha detto sarcasticamente la Volpe. Il conduttore ha replicato: “Ma che hai detto il numero? Ma un’altra volta? Ma ci sei ricascata. Ma che dici l’età? Madonna! Già una volta hai fatto un casino a dire l’età…”.

Magalli sfotte la Volpe per gli ascolti

La cosa non è passata inosservata a Magalli che ha colto la palla al balzo per sfottere la Volpe. “0,9%, tutti zitti, chi deve capire capisce…”, ha scritto il conduttore de I fatti vostri su Facebook, corredando il post con una emoticon che invita a fare silenzio. Nonostante Magalli abbia cancellato il post subito dopo, la Volpe non è rimasta a guardare e stamattina ha replicato in diretta su Tv8.

La Volpe la butta sul femminismo

“Vorrei fare una replica. Una replica a un massaggio, a un post che Magalli ha ieri scritto, e che oggi prontamente ha tolto”, è l’incipit della replica di Adriana Volpe che da stamattina è in tendenza su tutti i social. “In questo messaggio c’era una emoticon, un gesto, che dice ‘stai zitta’. Caro Giancarlo, questo gesto non me lo fai. Hai provato per tanti anni a farmi star zitta. Non ci sei mai riuscito e non ci riuscirai neanche oggi. Tu caro Giancarlo, con questo gesto, sempre a voler zittire, dimostri di non avere rispetto per le persone e di non avere rispetto delle donne. E questo non te lo permetto”.

Davide Romano

2 Commenti

  1. Magalli comunque e’ bello che vecchio non parliamo del rincoglionito angela. lasciate lavorare i giovani li murtecci vostra!