Il Primato Nazionale mensile in edicola

Londra, 20 gen – Roger Daltrey degli Who sostiene ancora la Brexit: ha risposto duramente alle critiche piovutegli addosso dopo la sua decisione  di firmare una lettera a sostegno dei viaggi senza visto per i musicisti britannici dopo l’uscita della Gran Bretagna dalla Ue.

Daltrey (Who), Gallagher e gli altri

La lettera firmata dal leader degli Who, insieme ad altri volti noti come Liam Gallagher ed Elton John, ha invitato il governo britannico a “fare urgentemente quello che ha detto che avrebbe fatto, cioè negoziare viaggi senza scartoffie in Europa per gli artisti britannici e le loro crew” e ha sostenuto che altrimenti “molti tour [non saranno] fattibili, soprattutto per i giovani musicisti emergenti che stanno già lottando per stare a galla a causa del Covid”.

“Si alla Brexit, Ue è come la mafia”

Il sostegno di Daltrey alla lettera ha fatto discutere molti suoi fan, perché già da tempo il cantante degli Who è un grande sostenitore della Brexit, almeno dal 2019. All’epoca, alla domanda se la Brexit sarebbe “negativa per la musica rock britannica”, rispose: “No. Cosa c’entra con il business del rock? Come andrò in tour in Europa? Come se non avessimo fatto tour in Europa prima della fottuta Ue. Piantatela”. Per Daltrey, stare nell’Unione Europea era come “essere iscritto per essere governato da una fottuta mafia. E’ come essere governati dalla FIFA”.

“Avrei preferito una riforma, colpa dell’Ue”

Ora, Daltrey ha rilasciato una risposta ai suoi critici che lo accusano di incoerenza o di essere stato ingannato dai proclami dei politici: “Non ho cambiato la mia opinione sull’Ue e la Brexit. Sono contento di essere libero da Bruxelles, non dall’Europa“, ha detto il cantante degli Who. “Avrei preferito una riforma, richiesta da noi britannici prima del referendum e rifiutata dall’allora presidente dell’Ue”.

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Articolo pessimo, che confonde le idee a chi legge. E lo fa di proposito. Ed è questo il peggio. Giusto per chiarire: Daltrey ha appoggiato brexit, Elton John no. Daltrey adesso si lamenta perché ne sta vedendo gli effetti sulle sue tasche. Poteva pensarci prima.

  2. ♫♪♫♪ ♫♪♫♪ I’m free-I’m free,
    And freedom tastes of reality,
    I’m free-I’m free,
    An’ I’m waiting for you to follow me ♫♪♫♪ ♫♪♫♪

Commenta