Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 28 set — Ha finalmente un nome, un volto e soprattutto un corpo la nuova Miss Mondo Italia 2021, che rappresenterà lo Stivale alle finali di Miss World il 16 dicembre a Porto Rico: si chiama Claudia Motta, è romana, bionda, occhi verde-castani, alta 1.75 e ha 21 anni.



Nata a Roma, vive a Velletri con la sua famiglia e frequenta il terzo anno di giurisprudenza, all’Università La Sapienza di Roma. Fa sapere di essere in regola con gli esami nonostante i suoi impegni televisivi, dove tra l’altro fa la showgirl nel programma Tiki Taka condotto da Piero Chiambretti. Parla inglese e tedesco, pratica fitness e danza all’Accademia Nazionale di Roma.

Claudia Motta e quelle strizzate d’occhio a D’Annunzio…

Una ragazza indubbiamente bellissima, di una bellezza per nulla scontata, fisico perfetto e tratti del volto severi; ma oltre alla fisicità statuaria e agli occhi verdi, c’è un particolare del profilo Instagram di Claudia Motta che sta mandando in brodo di giuggiole buona parte della galassia destrorsa nostrana: parliamo dell’inequivocabile frase dannunziana Memento Audere Semper (corredata da un ancora più evocativo «1922», anno della Marcia su Roma, ora misteriosamente scomparso dal profilo).

La locuzione significa Ricorda di osare sempre e forma l’acronimo MAS, con cui il Vate rendeva omaggio al Motoscafo armato silurante – derivato dalla Motobarca Armata Svan – in uso nel primo conflitto mondiale e poi impiegato su larga scale durante la seconda guerra mondiale. Lo stesso D’Annunzio aveva preso parte al battesimo di fuoco di questo mezzo bellico, partecipando a quella che passò alla storia come la Beffa di Buccari.

… e ad altri simboli

Tanto è bastato per mandare in visibilio tutti quegli italiani che non sono soliti votare la compagine progressista, orfani di belle donne dello spettacolo (ad eccezione, forse, della Canalis) che non siano irrimediabilmente votate alle beceraggini del pensiero unico. Non è tutto. Scandagliando l’Instagram di Claudia Motta, troviamo anche «strizzate d’occhio», risalenti al marzo 2016, a graffiti stradaioli, citazioni e simboli di chiara estrazione politica.

Insomma, una Miss decisamente contro corrente, con simpatie per esponenti della Lega e di Fratelli d’Italia, — Giorgio Greci, capogruppo della Lega-Salvini premier di Velletri, e di Luigi Grossi, portavoce di Fratelli di Italia nel comune di Pico — che lei segue su Facebook. Speriamo non faccia marcia indietro, non chieda scusa e non si inginocchi sui ceci sotto l’inevitabile fuoco incrociato dei media che per tali strizzate d’occhio la crocifiggeranno, secondo il consueto copione della caccia alle streghe politicamente corretta.

Cristina Gauri



La tua mail per essere sempre aggiornato

Articolo precedente“Tamponi gratis per chi non ha il green pass”. Salvini ci riprova
Articolo successivoPerché aumenterà il prezzo della pasta (e come impedire la stangata)
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

Commenta