Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 6 ott – La campagna elettorale è in pieno fermento a Roma. Virginia Raggi a Radio Rock fa la serenata ai cittadini cantando Rugantino mentre a sinistra non si trova un candidato e spunta persino il nome di Carofiglio. In tutto questo, Tom Cruise ha scelto la Capitale per girare l’ultimo capitolo di Mission Impossible. Ma i romani su Twitter non hanno gradito particolarmente la vanagloria dell’account Twitter del Comune di Roma che ha scelto di “vantarsi” della presenza della troupe hollywoodiana.

Il Comune si “vanta: “Oltre 18 milioni spesi in Italia”

Cruise sta girando le scene d’azione di Mission Impossible 7 tra gli scenari più caratteristici di Roma: Castel Sant’Angelo, il Rione Monti e il Policlinico Umberto I. Si, perché lì gli è toccato farsi il tampone per il coronavirus. E Roma Capitale, attraverso il suo account ufficiale di Twitter ha deciso di “vantarsi” della presenza dell’attore americano, degli stuntmen e della produzine del film: “Al via le riprese di #MissionImpossible. Da domani nella Capitale si gira il settimo capitolo della saga con #TomCruise. Dei 35 milioni di costi della produzione in Italia oltre 18 saranno spesi a #Roma http://bit.ly/3ivxTVO #MissionImpossible7 #6ottobre #ChristopherMcQuarrie”.

Ironia di Twitter: “Mission impossibile sono i mezzi”

Un bel traguardo, non c’è che dire. Ma l’idea non sembra esaltare più di tanto i romani che vivendo in una città congestionata – ancor di più ora in tempi di coronavirus – col sistema di trasporto al collasso e una sindaca allo sbaraglio non hanno mancato di rispondere con ironia al trionfale annuncio di Roma Capitale: “Oggi la mission impossible l’ho fatta io, per passà in mezzo ar cinema che stanno a fà”, scrive un utente. “Non è che Tom, esperto di missioni impossibili, vorrebbe fare il sindaco? Tom, stay, please!“, scrive un altro a cui fa eco un altro commento: “Fateje fa er sindaco!”. “Già mi immagino la scena di Tom Cruise che cerca di spostarsi con metro, bus e tram … a Roma: Mission Impossibile!”, è un altro commento. “Dopodiché noleggerà una macchina e arrivato sulla Tuscolana anche lui inizierà a bestemmiare per la ciclabile!“, scrive un altro romano. “Vedete di comprá due autobus, tappá due buche e raccogliere la monnezza, allora!”, ironizza un altro. Poi, sempre in tema di “Usa a Roma”, qualcuno scherza sul presidente statunitense dell’As Roma: “Friedkin al posto de Tom Cruise se non ho capito male”. E Tom Cruise al posto della Raggi? Preferiremmo Mel Gibson, ma ci accontentiamo.

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta