Il Primato Nazionale mensile in edicola

New York, 20 gen – Dopo 30 anni come doppiatore di Apu Nahasapeemapetilon, il padrone indiano del Jet Market ne I Simpson, Hank Azaria ha annunciato che non darà più voce al pesante accento di uno dei personaggi più amati della serie.

Le polemiche su Apu dal 2018

“Tutto ciò che per ora sappiamo è che non gli darò più voce, a meno che non ci sia un modo per cambiarla,  o qualcosa del genere” ha dichiarato Azaria. Già nel 2018 uno dei produttori aveva annunciato che il personaggio di Apu, rispondendo ad uno stereotipo razzista, sarebbe stato cancellato. “Quello che hanno intenzione di fare con il personaggio è una loro decisione” ha ancora Azaria riferendosi ai produttori della serie. “Dipende da loro, e non l’hanno ancora capito. Tutto quello che abbiamo concordato è che non farò più la voce.”

“La cosa migliore da fare”

La decisione di rimuovere Azaria come doppiatore di Apu è stata reciproca, secondo l’attore.  “Siamo tutti d’accordo su questo” ha detto ancora il doppiatore “ci sentiamo tutti come se fosse la cosa migliore da fare”. Tutte le accuse sul razzismo rappresentato dal personaggio di Apu sono nate da un documentario del comico indiano Hari Kondabolu che nel  2017 ha girato The Problem with Apu: “Il mio documentario The Problem with Apu non è stato realizzato per sbarazzarsi di un personaggio dei cartoni animati datato, ma per discutere di razza, rappresentanza e della mia comunità (che amo molto)”, ha scritto Kondabolu. “Riguardava anche il modo in cui puoi amare qualcosa (come i Simpson) ed essere ancora critico sugli aspetti di esso (Apu)”.

Stereotipi su tutte le nazionalità

Molti sono i fan dei Simpson delusi da questa decisione: oltre ad Apu, Azaria doppia anche Winchester il poliziotto, Boe Szyslak, il dottor Riviera e molti altri. Fa parte del cast praticamente da sempre. Inoltre, molti pongono l’attenzione su come tutti i personaggi dei Simpson che manifestano una determinata nazionalità sono stereotipati, primi tra tutti gli italiani col cuoco Luigi. Altri, inoltre, notano come non sia invece ritenuto razzista un personaggio come quello di Raj Koothrappali, indiano anch’egli, interpretato dall’attore Kunal Nayyar nella serie The Big Bang Theory: anche lui quando è necessario rappresenta degli stereotipi su persone della sua stessa nazionalità. In ogni caso, qui a rimetterci è sempre e solo il senso dell’umorismo.

Ilaria Paoletti

2 Commenti

Commenta