Roma, 11 giu – A due mesi (quasi) esatti dall’inizio del campionato di Serie A 2022/23 – il fine settimana inaugurale sarà quello che chiude la prima metà del mese di agosto – iniziano a prendere forma le protagoniste della stagione ventura. Una volta conclusa la parentesi delle nazionali, a farla da padrone sarà quindi il calciomercato. La partenza anticipata a causa dei mondiali “invernali” comporta un avvio insolitamente congestionato, pertanto i direttori sportivi stanno facendo di necessità virtù per consegnare agli allenatori rose il più possibile definitive. Sebbene le date dedicate al trasferimento dei calciatori siano sempre le stesse (da venerdì 1° luglio fino al primo di settembre) la sessione estiva è infatti già entrata nel vivo.

Monza e Sassuolo, due piccole all’italiana

Al di là dei facili entusiasmi berlusconiani, per l’esordiente Monza si prospetta una stagione da affrontare con il coltello tra i denti. Proprio per questa ragione, in sede di calciomercato, Galliani sta puntando profili in grado di portare in Brianza la giusta dose di esperienza. Tra gli altri rientrano infatti nella “categoria” sia Ranocchia (svincolato) che Romagnoli, in uscita dal Milan. Ma anche Candreva. Il doriano, in particolare, potrebbe inserirsi senza problemi nel centrocampo a 5 di Stroppa.

Discorso totalmente diverso per un’altra piccola del nostro calcio, il sempre sorprendente Sassuolo. Se difficilmente rimarranno tutti e quattro i pezzi da novanta (Frattesi, Berardi, Scamacca, Raspadori), in Emilia sono già all’opera per trovare altri giovani azzurri da far crescere. Come – per stessa ammissione dell’amministratore delegato Carnevali – Pinamonti, seguito anche dai brianzoli. O l’altro gioiellino interista Casadei, classe 2003 e miglior giocatore nella fase finale dell’ultimo campionato Primavera.

Come si muovono le “europee”: a Firenze diversi ritocchi per la Conference

Passando al calciomercato di chi invece dovrà competere anche in campo continentale, in riva all’Arno si prospetta un’estate movimentata. La Fiorentina cerca innanzitutto un estremo difensore da affiancare al confermato Terracciano: si valuta l’atalantino Gollini, già “viola” ai tempi del settore giovanile. Serviranno poi due terzini – un profilo affidabile a destra, l’alternativa a capitan Biraghi sulla mancina – e un centrale che possa allungare la panchina. In mezzo ci saranno da riempire i vuoti lasciati da Castrovilli, che rientrerà dall’infortunio solamente nell’anno nuovo, e (probabilmente) Torreira. In ogni caso a breve si può chiudere su Grillitsch dell’Hoffenheim. Davanti, con colpevole ritardo, è caccia a un degno sostituto di Vlahovic.

Il calciomercato di Lazio e Roma: obiettivo quarto posto

Le squadre della capitale – divise nella scorsa stagione da un solo punto in classifica – si stanno muovendo sul calciomercato in maniera differente. Per una Lazio che prima di acquistare ha la necessità di vendere abbiamo una Roma già attiva in entrambe le direzioni.

Sulla sponda biancoceleste del Tevere si registrano gli addii a parametro zero di tre titolari (Strakosha, Luiz Felipe, Lucas Leiva): situazione paradossale in quanto per sistemare l’ormai “famoso” indice di liquidità – a proposito, chissà se nel frattempo Sarri ha capito di cosa si tratta – Lotito deve comunque far cassa. Fermo restando che Luis Alberto e Milinkovic-Savic lasceranno Formello solo in caso di offerte irrinunciabili.

Salutato Mkhitaryanin casa giallorossam non si è perso tempo: dal Manchester United è in arrivo Matic, mourinhano di ferro. C’è da scommetterci che rispetto alla passata stagione l’allenatore portoghese voglia alzare l’asticella e agganciare – come obiettivo minimo – la quarta posizione, ultimo posto utile ai fini della qualificazione in Champions. Per completare la rosa, lo Special One pretenderà altri potenziali titolari: un paio di difensori, due centrocampisti e una punta. Delle ultime ore la notizia di un probabile contatto diretto del tecnico con Gareth Bale. Il condottiero ha segnato la via: uno sforzo per accontentare il “re di coppe” ora è d’obbligo.

Marco Battistini

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta