Il Primato Nazionale mensile in edicola

capuanoArezzo, 22 gen – Il vulcanico allenatore dell’Arezzo Eziolino Capuano, intervistato da calciomercato.com, sulla querelle del San Paolo ha voluto dire la sua e come al solito lo ha fatto senza mezzi termini: “Sarri ha sbagliato ma queste situazioni devono restare nell’ambito del rettangolo verde, riportare tutto in tv non è assolutamente corretto. Paradossalmente, sarebbe meglio rispondere con un cazzotto”.



Capuano è ormai celebre per le sue esternazioni colorite, un anno ad esempio si rese protagonista di un caso simile nel postpartita di Alessandria-Arezzo quando, riferendosi ad uno dei suoi giocatori, Montini, dichiarò: “Non voglio checche in campo”.

Sull’episodio che ha visto protagonisti gli allenatori di Napoli e Inter Capuano ha voluto poi sottolineare che alla fine “hanno sbagliato entrambi ma ormai si sta esagerando con questo perbenismo”. Al tecnico dell’Arezzo tutto si può dire tranne che di essere politicamente corretto.

Eugenio Palazzini



La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Ha ragione, non ci sono più uomini. La parola taglia più del coltello e un’offesa del genere va restituita come un uomo dignitoso sa fare…anche la violenza fisica. Non sono napoletano, ma quest’anno tifo il Napoli…se vince ancora la juve non seguirò più il calcio. Le hanno già regalato 4 scudetti, basta, anche se quest’anno giocano più pulito…senza palesi regali arbitrali…vedremo in seguito. Tornando a Sarri, penso che da quando è primo in classifica abbia perso l’equilibrio che lo contraddistingueva, e ultimamente quando parla non è più padrone delle sue idee, che spiattella senza freni, come un piccolo attore diventato di colpo una star del cinema. Dopo la scemenza a Mancini, a STRISCIA LA NOTIZIA ne ha tirato fuori un’altra e questa volta politica, sulla DC. Il filtro che abbiamo nel cervello che ci permette di pensare prima di parlare, a lui non funziona più…è come i bambini che parlano ingenuamente senza sapere che ciò che dicono può essere anche tremendo. Se incontro una persona conosciuta che ha un figlio brutto come la morte, ben mi guardo dal dirglielo, ma se oggi questo succede a Sarri, non ci pensa due volte, ed anzi ne aggiunge pure. Uno psicologo per lui, prima di sprecare uno scudetto che il Napoli può vincere e mi auguro, io per primo, che succeda.

Commenta