Il Primato Nazionale mensile in edicola

PALLOTTA-2Roma, 13 gen- Che il derby della capitale sia uno dei più sentiti al mondo è cosa risaputa. Che la gli sfottò e il campanilismo accompagnino le due tifoserie per tutta la stagione calcistica e non solo, pure. Che gli strascichi polemici dei questa partita continuino per opera dei presidenti e dirigenti delle due società è francamente un fatto insolito.



Tutto è cominciato nella giornata di ieri quando, il presidente della Lazio Claudio Lotito, ospite alla trasmissione radiofonica di Radio 2 “Un giorno da pecora” si è lasciato andare a una previsione sulla corsa scudetto dicendo: “La Roma non vince lo scudetto, scommetto con Giacchetti (vicepresidente della Camera e tifoso della Roma,ndr) la presidenza della Lazio”.

Poi, incalzato sull’esultanza di Francesco Totti, ha aggiunto: “Il selfie è stato un gesto inopportuno che non c’entra nulla con il calcio”, tanto da provocare, sempre a detta del presidente biancoceleste,  problemi di ordine pubblico.

La risposta da parte della Roma non si è fatta attendere e proprio questa mattina il presidente James Pallotta ha affidato all’account twitter della società il suo pensiero: “E’ un peccato come Lotito commenti Totti. E’ stato un gran momento ma avrei quasi preferito un suo selfie con la sua faccia sul gol”.

Dopo il presidente Pallotta, anche il direttore generale della Roma Mauro Baldissoni ha replicato a Lotito, non però sul selfi del numero 10 giallorosso (“Già ci ha pensato il presidente”) ma sulle dichiarazioni sullo scudetto, con una frecciata dal sapore tutt’altro che pacificatore: “Detto che sono quelli della Lazio gli esperti di scommesse, se Lotito scommette la presidenza c’è il rischio che anche i tifosi della Lazio tifino per noi”.

Il riferimento neanche troppo velato, è sia alle note vicende giudiziarie sul calcio scommesse che hanno investito il calcio italiano nel corso degli anni e in cui la società di Formello è stata coinvolta  a vario titolo, sia al teso rapporto tra una buona parte della tifoseria e la gestione Lotito.

Anche in questo caso la risposta non ha tardato ad arrivare e il presidente biancoceleste dopo aver tenuto a precisare che non è nelle sue intenzioni fare polemica, ha invitato Baldissoni a “non perdere tempo dietro queste cose e a dedicarsi a tenere in ordine i conti della società” con l’ ulteriore invito a Formello per mostrare “le scommesse vinte ai fini del risanamento e dell’efficienza della Lazio”.

In serata infine, è arrivata una replica durissima del presidente Pallotta apparsa in una nota sul sito ufficiale della Società : “ Lotito continua a rilasciare dichiarazioni sciocche e che denotano ignoranza intorno agli aspetti economici del nostro Club. La prossima volta che verro a Roma sarà mia cura cercare di renderlo edotto alla nostra solidità e redditività finanziaria. Lo farò come se parlassi a un bambino, ovvero parlando lentamente e scandendo bene tutte le sillabe. Se non dovesse capirlo neanche questa volta, beh, allora rinuncerò”.

Nuova replica di Lotito: “Pallotta si ricordi che nel solo 2014 ha perso oltre 38 milioni e presentato un patrimonio netto negativo consolidato di oltre 81 mln. Gli auguriamo che a partire dal 1 luglio 2015 sia in grado di rispettare le norme del fair play italiano, norme che la Lazio rispetta da oltre 10 anni“.

Il derby di Roma non dura mai 180 minuti.

Alberto Maglio



La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta