Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 9 giu – A Euro2020 ci sarà uno stadio privo di restrizioni per il Covid: la Puksas Arena di Budapest. Grazie a un decreto del governo di Viktor Orban, tutti i 68mila posti della capienza verranno presi dai tifosi.



Euro 2020, la Puksas Arena di Budapest

Nella Puksas Arena di Budapest, stadio appena inaugurato dal governo Orban, i tifosi potranno accedere senza particolare restrizioni. Chi non è vaccinato dovrà fare un test, ma a parte questo non ci saranno misure contenitive. Secondo EuropaToday questa decisione da parte di Orban vorrebbe dimostrare che l’Ungheria stia combattendo con maggior successo il Covid  rispetto agli altri Paesi.

Nessuna restrizione anti-Covid

La Puksas Arena ospiterà anche le sfide contro la Francia campione del mondo e il Portogallo detentore del titolo continentale, oltre che – ovviamente – le partite dell’Ungheria. Inaugurato nel novembre 2019 dal Orban in persona, lo stadio è rimasto sempre vuoto causa pandemia di Covid. Con Euro2020, invece, i tifosi potranno finalmente riempirlo di nuovo. Sempre se, naturalmente, si risulterà negativi al Covid. Ma nessun “green pass” è richiesto per vedere lì una partita – ovvero, non c’è obbligo di essersi vaccinati.

La campagna vaccinale in Ungheria

In Ungheria la campagna di vaccinazione va a grande velocità: metà della popolazione adulta ha ricevuto una dose del vaccino. Piccolo particolare: nel Paese di Orban si usano anche i vaccini cinesi e russi. L’Unghiera è, ad oggi, il Paese pià “vaccinato” d’Europa dopo Malta. Lo stesso leader ungherese se ne vanta: L’Ungheria sarebbe quindi per Orban il “Paese più sicuro d’Europa”. “Gli ungheresi non vedono l’ora di ospitare per la prima volta un torneo del genere in quest’arena così moderna“, si legge sul quotidiano sportivo Nemzeti Sport.

Ilaria Paoletti

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

Commenta