Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 10 giu – Scontro diplomatico con vittima finale: la maglia dell’Ucraina. L’Uefa ha deciso di imporre alla nazionale di Kiev una modifica alla divisa che dovrebbe indossare agli Europei. L’organo di governo del calcio in Europa sostiene infatti che la maglia in questione debba essere considerata “politica”, dunque da evitare, per il suo riferimento alla Crimea. Con tanto di motto “Gloria all’Ucraina! Gloria agli eroi”.



Ucraina, la maglia invisa alla Russia

Come riportato su questo giornale, sull’incriminata maglia della nazionale di Kiev vi è disegnata la sagoma dell’Ucraina con inclusa la penisola della Crimea. Quest’ultimo, come noto, è un territorio annesso dalla Russia nel 2014 con tanto di referendum popolare contestato però dall’Ucraina. Dunque la scelta della nazionale ucraina ha mandato su tutte le furie il Cremlino, anche perché oltre alla Crimea sulla mappa compaiono altri due territori contesi: le regioni di Donetsk e di Lugansk, entrambe in buona parte controllate da separatisti filo-russi.

Ma l’Ucraina cambierà davvero la maglia?

“Dopo un’analisi più approfondita lo slogan è chiaramente di natura politica e deve essere ritirato in vista delle partite ufficiali della Uefa”, fanno sapere da Nyon. La nazionale ucraina, a questo punto, cambierà la maglia? Cosa ardua, anche considerando che l’esordio dei ragazzi guidati da Andriy Shevchenko è previsto fra appena tre giorni. Ovvero domenica 13 giugno ore 21 ad Amsterdam, contro l’Olanda.

Oltretutto, via Facebook, il presidente della federcalcio ucraina, Andriy Pavelko, difende così la scelta della controversa maglia: “Crediamo che il disegno della forma dell’Ucraina darà forza ai giocatori perché lotteranno per tutto il Paese. E tutta l’Ucraina, da Sebastopoli e Simferopol a Kiev, da Donetsk e Lugansk a Uzhgorod, li sosterrà in ogni partita”.

Ma Pavelko va pure oltre, spiegando che i tifosi ucraini presto potranno acquistare la maglia. “È bello leggere tante domande su quando e dove si può acquistare la divisa della nazionale”. E “sono sicuro che batteremo i record di vendita con questo design. Perché tutti i tifosi della nazionale indosseranno con orgoglio questa divisa”. Chiosa: “Gloria all’Ucraina!” . La sensazione è insomma che la bufera è destinata a infuriare anche nei prossimi giorni.

Eugenio Palazzini

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta