Roma, 23 nov – Lezione Felix e breve storia triste per chi vede razzismo ovunque. “Gli avevo promesso che se avesse fatto una buona gara gli avrei regalato delle scarpe che costano 800 euro. E domani vado a comprargli le scarpe”. Così José Mourinho aveva annunciato lo “special” regalo al giovanissimo Felix Ohene Afena-Gyan (classe 2003) dopo la strepitosa doppietta realizzata in casa del Genoa. Promessa mantenuta, con l’attaccante ghanese che ha mostrato tutta la sua gioia pubblicando un apposito video su Instagram.



La frase incriminata

Proprio durante la consegna delle scarpe – un paio di Balenciaga da oltre 800 euro, particolarmente ricercate dai calciatori – si sente però una voce di un dipendente della Roma: “Dentro ci sono le banane, Felix”. Apriti cielo, spalancati accuse, con omnia media pronti a gridare al razzismo. Anzi, a dirla tutta qualcuno ci ha provato subito a puntare il dito addirittura contro la società giallorossa, che avrebbe dovuto rispondere di quanto accaduto.

Felix spegne la polemica: “Ma quale razzismo, mangio tante banane e ci scherziamo tutti”

A spegnere le polemiche ci pensa però lo stesso Felix. “Voglio assicurarvi che non sono offeso dall’audio che avete sentito che non è a sfondo razzista. Dal primo giorno che sono arrivato alla Roma – scrive l’attaccante giallorosso su Instagram – sono stato accolto da tutti come una famiglia. E i ragazzi hanno scherzato con me, proprio come fa una famiglia. Il motivo? Mangio tante banane e su questa cosa ci scherziamo a volte e per questo motivo avete sentito questo commento. Qui alla Roma mi sento a casa da quando sono arrivato. Sono grato del supporto che mi tutti mi hanno dato qui a Trigoria, penso che la gente si sia fatta un’idea sbagliata su quello che è successo e hanno sentito”. Parole inequivocabili, che dovrebbero bastare a disinnescare ulteriori, quanto inutili, sproloqui mediatici al riguardo.

 

Alessandro Della Guglia

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta