GermaniaRoma, 17 ott – La Germania ha “comprato” illegalmente i Mondiali del 2006? Un’inchiesta di Der Spiegel lancia accuse pesanti: la massima competizione calcistica, proprio quella vinta dall’Italia di Lippi, sarebbe stata disputata in Germania grazie a una compravendita di voti.

In particolare, Franz Beckenbauer avrebbe comprato i 4 voti decisivi in seno al comitato esecutivo della Fifa, con la quale la Germania superò 12 a 11 il Sud Africa e si aggiudicò la realizzazione dell’edizione 2006. Il voto decisivo fu però una astensione, quella del delegato dell’Oceania, il neozelandese Charlie Dempsey, che avrebbe dovuto votare Sud Africa.

Il giorno stesso della votazione il delegato di Trinidad and Tobago, Jack Warner, aveva rivelato di aver trovato sotto la porta della sua camera d’albergo una busta con promesse di regali in caso di sostegno alla candidatura tedesca, poi si scoprì che era stato uno scherzo di una rivista satirica. L’assegnazione fu comunque macchiata da molte ombre.

La Federcalcio tedesca, dal canto suo, ha comunicato di non aver ravvisato alcuna irregolarità nel processo che ha portato il paese ad ottenere l’organizzazione della Mondiale 2006 dopo la conclusione di un’indagine interna. Tuttavia, la federazione ha spiegato che sta ancora analizzando come è stato utilizzato un pagamento di 6,7 milioni di euro dal comitato organizzatore tedesco alla Fifa per il suo programma culturale.

Ebbene, secondo Der Spiegel, i fondi neri vennero creati attraverso una donazione privata, avvenuta prima del voto decisivo del 6 luglio 2000, di 10,3 milioni di franchi svizzeri da parte del capo di Adidas Robert Louis-Dreyfus.

Quando nel 2005 Louis-Dreyfus chiese i soldi indietro, il comitato organizzatore trovò il modo di restituire di nascosto il denaro. Il settimanale cita documenti confidenziali, che certificherebbero il passaggio di 6,7 milioni di euro dal comitato organizzatore tedesco a un conto ginevrino della Fifa e, da qui, a quello di Zurigo di Louis-Dreyfus.

Giuliano Lebelli

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here