Il Primato Nazionale mensile in edicola

Londra, 1° apr – Rispetto sì, sottomissione no. È questo il messaggio che ha mandato ieri sera la nazionale di calcio della Polonia che, a differenza dell’Inghilterra, non si è inginocchiata ai dettami del politicamente corretto. In tutti i sensi. A Wembley, prima del fischio di inizio della gara valida per le qualificazioni ai Mondiali del 2022, i calciatori inglesi hanno messo un ginocchio a terra in stile Black lives matter, mentre i giocatori polacchi sono rimasti in piedi. Le «aquile bianche», infatti, si sono limitate a indicare lo stemma «Respect» sulla manica della loro divisa.



«Gesto politico e inutile»

In vista della partita di ieri, il presidente della federazione polacca, Zbigniew Boniek (vecchia conoscenza del calcio italiano), a precisa domanda aveva risposto: «Non so se ci inginocchieremo insieme agli inglesi. Finora questo argomento non è stato affrontato al campo d’allenamento. Ce n’erano di più importanti e più urgenti: questo è proprio l’ultimo argomento che ci interessa». Anche un’altra leggenda del calcio polacco, l’ex portiere Jan Tomaszewski, aveva preso la parola prima di Inghilterra-Polonia, specificando che il mettersi in ginocchio è un gesto politico inutile: «Non voglio dire come dovrebbero comportarsi i nostri calciatori», ha dichiarato in una trasmissione radiofonica. «Posso solo dire con piena responsabilità che non mi inginocchierei. Ho un’aquila sul petto e questo non mi riguarda».

Leggi anche: I meccanici Ferrari non si inginocchiano, Hamilton li attacca: «Dovete fare di più contro il razzismo»

Il precedente di Inghilterra-Polonia

La federazione calcistica polacca ha poi dichiarato di aver voluto assumere «una posizione neutrale e apolitica nei confronti dell’iniziativa Black lives matter». Pur rimarcando la distanza da ogni manifestazione di razzismo nel calcio, la federazione si è quindi smarcata da qualsiasi ipoteca ideologica. Un caso simile a quello di Inghilterra-Polonia si è verificato anche martedì in occasione di Galles-Repubblica ceca, con i calciatori cechi che si sono rifiutati di inginocchiarsi e hanno indicato lo stemma «Respect» sulla loro maglietta.

Il video

Gabriele Costa



La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Un essere umano si deve inginocchiare solo davanti a Dio, non certo davanti a una qualsiasi delle diverse razze che egli ha creato.Onore al popolo polacco in questo caso

Commenta