Il Primato Nazionale mensile in edicola

Mario BalotelliRoma, 10 mag – Non si può dire che Mario Balotelli non faccia parlare di sé, in un modo o nell’altro alla fine ci riesce sempre. Ma soprattutto non si può dire che non trovi chi è pronto ad osannarlo non appena realizza una tantum quello che un attaccante considerato un portento, dai media di casa nostra, dovrebbe fare spesso: segnare. Stavolta però le parole della punta del Nizza manderanno in tilt anche i suoi più convinti incensatori, abituati a chiamarlo “Mario” neanche fosse l’amico del cuore.



Tino Marco, inviato del programma televisivo brasiliano Esporte Espetacular che va in onda su Rete Globo, ha incontrato infatti Balotelli a casa del difensore brasiliano Dante, compagno di squadra di “Mario” al Nizza. Nella lunga intervista rilasciata al giornalista carioca, Balotelli ad un certo punto afferma deciso: “Prima di essere italiano sono africano. Se fossi prima italiano, sarei bianco”.

Black Brain

Mostrando poi la consueta umiltà, l’attaccante ex Milan, specifica a Rete Globo: “Voglio vincere il pallone d’oro. So che è difficile. Per due anni e mezzo la mia salute è stata un’altalena. Ero a 30-40 per cento del mio potenziale. Ma lavorandoci sopra e con l’aiuto dell’uomo lassù magari posso farcela. Ovviamente Cristiano Ronaldo, Messi, Neymar, Suárez stanno meglio di me adesso”.

Eugenio Palazzini

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

5 Commenti

  1. ci mancherebbe che il figlio di due Africani non fosse anch’egli Africano; sostenere il contrario sarebbe come affermare che il figlio di due Milanesi,Bolognesi o Palermitani,nascendo in Africa diventasse ipso facto “africano”.

    non c’entra nulla il nascere ed il vivere e lo studiare a lungo -magari per ventanni- in un Paese, altrimenti un Giuseppe Ungaretti dovrebbe essere considerato un Poeta EGIZIANO.

    le ragioni del sangue e le radici profonde non potranno -nel bene e nel male- essere cancellate dall’inchiostro di un timbro su di un documento qualsiasi.

    Barwuah OPS ! Mario docet.

  2. Carioca significa originario di Rio de Janeiro, non brasiliano in generale. Così come paulista chi è di São Paulo, bahiano di Bahia, Gaúcho di Rio Grande do Sul ecc.
    In italia, per colpa del provincialismo di molti giornalisti televisivi, è diventato sinonimo di brasiliano.
    Vi prego di non cadere nello stesso errore.

      • In questo caso è appropriato allora, e se l’autore dell’articolo ne era al corrente chiedo venia. Ma non era per fare polemica o il saputello che ho fatto questo piccolo appunto. Converrai che è ormai di uso comune utilizzare carioca come sinonimo di brasiliano. A me è una cosa che ha sempre irritato è come se in Brasile dicessero milanese per dire italiano, e mi dispiacerebbe ritrovare lo stesso errore su questo giornale.
        P.s. Dino, risparmia il tuo livore per cose più importanti.

Commenta