o.331339Milano, 31 dic – Piazza Affari chiude l’anno con le vele spiegate e il vento in poppa. La Borsa italiana elabora il consuntivo di fine anno che nel 2015 vede l’indice Ftse Mib cresciuto del 13,94% rispetto al 2014. Piazza Affari si colloca così tra le migliori Borse mondiali per performance.

Il mercato tricolore ha visto crescere maggiormente il segmento STAR – acronimo che indica il segmento dei titoli con alti requisiti – con l’indice Ftse Italia STAR che ha segnato una crescita del 39,52%. Ma rispetto alle maggiori piazze azionarie europee è ancora troppo poco.

La capitalizzazione complessiva delle società quotate a Piazza Affari si attesta a 567,6 miliardi di euro, in crescita del 17,6% rispetto a fine 2014 e pari al 34,8% del Pil italiano che viceversa cresce soltanto dello 0,6% (valore stimato).

Era dal 2007 che non si registravano dati così in crescita oltretutto conditi da 32 nuove ammissioni a Piazza Affari, di cui 27 Ipo (offerta pubblica iniziale), che portano a 356 il numero delle società quotate sui mercati della Borsa italiana. L’Ipo più sensazionale è stata quella di Poste Italiane che ha raccolto un capitale di oltre 3 miliardi di euro, collocandosi ai vertici da dieci anni a questa parte.

Gli scambi di azioni su Borsa italiana nel 2015 hanno raggiunto una media giornaliera di 3,2 miliardi di euro e quasi 282 mila contratti. Complessivamente sono stati scambiati oltre 70,7 milioni di contratti e un controvalore di oltre 801,7 miliardi di euro. Intesa SanPaolo è stata l’azione più scambiata per controvalore, con un totale di 95,2 miliardi di euro, mentre Unicredit è stata la più scambiata in termini di contratti con 3,9 milioni di contratti.

La capitalizzazione complessiva delle società quotate a Piazza Affari che si è attestata su un valore pari al 34,8% del Pil ci porta però a concludere che nella realtà il valore della Borsa dovrebbe essere rapportato con il totale del valore patrimoniale pubblico e privato italiano ed è qui che si riscontrerebbero maggiormente le idiosincrasie tra l’economia reale e il mondo finanziario.

Ma anche quel 34,8% che è il valore della ricchezza prodotta dalla Borsa italiana rispetto al Prodotto interno lordo, è esemplificativo di quanto questi numeri corrispondano per la maggior parte a giochi speculativi e truffe del tutto alieni da chi nella realtà la ricchezza la produce con il lavoro e il sudore della fronte. Solo che quest’ultimi sono gravati da una pressione fiscale che a Piazza Affari non si sognano nemmeno di avere.

Giuseppe Maneggio

Commenti

commenti

1 commento

  1. quando si crea ricchezza reale e’ perché le aziende stanno producendo piu’ beni e piu’ servizi, chi acquista quei beni e servizi paga il loro prezzo e da’ i suoi soldi in cambio del bene ricevuto, chi li produce riceve quei soldi allora diventa piu’ ricco perche’ incassa soldi, ma in cambio fornisce dei beni, e per creare quella maggiore quantità di beni e servizi deve anche assumere, dunque si crea occupazione, e l’economia gira per tutti.

    quando invece si crea ricchezza finanziaria non si sono creati nuovi beni e servizi, non si e’ creata nuova occupazione, poiché non c’è maggiore ricchezza reale, il guadagno di qualcuno deve necessariamente essere una perdita per qualcun altro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here