Il Primato Nazionale mensile in edicola

Rom, 25 mar – Compie ottant’anni una delle cantanti più rilevanti e amate della musica leggera italiana: si tratta di Mina, nome d’arte di Anna Maria Mazzini. Richiamiamo alla memoria alcune note biografiche per ripercorrere la sua carriera. Mina nasce il 25 marzo 1940 in una famiglia di origine cremonese a Busto Arsizio, dove resta fino all’età di tre anni. Nel 1943 la famiglia fa ritorno a Cremona, città nella quale nasce il fratello Alfredo. La nonna le trasmette l’amore per la musica e insiste affinché Mina prenda lezioni di pianoforte, ma l’approccio allo studio dello strumento non fa per lei.

Gli esordi

L’estate del 1958 segna un punto di svolta nella vita della ragazza: Mina si trova in vacanza a Forte dei Marmi e viene sfidata dai suoi amici a salire e a cantare sul palco della Bussola di Marina di Pietrasanta. Mina accetta, si fa passare il microfono e canta senza imbarazzo. Dopo una sola settimana dalla sua esibizione alla Bussola, Mina si reca a casa di Nino e Renzo Donzelli, membri degli Happy Boys, un gruppo musicale famoso in quegli anni a Cremona, proponendosi come cantante. Il provino va a buon fine e Mina viene accolta nel gruppo, il quale si deve esibire in vari locali nei giorni seguenti: è l’inizio della carriera della “Tigre di Cremona”.

L’esperienza musicale con gli Happy Boys si conclude presto, ma Mina continuerà a esibirsi prima con I Solitari (con Fausto Coelli, ex Happy Boys) e poi con altri turnisti. La cantante
cattura da subito l’interesse del grande pubblico per la particolarità della sua voce, sia calda e potente che leggera e agile. La sua grande estensione vocale e la sua facilità nel passare dalle note gravi a quelle acute, la rende celebre in Italia e nel mondo.

Lo storico duetto Mina-Battisti

Partecipa a molti dei programmi che hanno fatto la storia della televisione italiana, come ad esempio “Il Musichiere” di Mario Riva, “Teatro 10”, “Studio Uno” e altri. Indimenticabile la storica esibizione con Lucio Battisti a “Teatro 10” il 24 aprile 1972. Il duetto rimane impresso nella coscienza popolare come uno dei momenti più importanti per la musica e la televisione italiana: nove minuti per cinque canzoni, due voci che si legano perfettamente l’una all’altra e regalano agli spettatori un’esibizione leggendaria.

Tra le canzoni più famose del repertorio di Mina citiamo: “Nessuno”, “Tintarella di luna”, “Il cielo in una stanza”,“Le mille bolle blu”, “Brava”, “Se telefonando”, “Tu farai”, “Insieme”, “Mi sei scoppiato dentro al cuore”. Degne di nota anche le sue interpretazioni dei grandi standard della musica jazz come“ You go to my head”, “I’ve got you under my skin”, “Let It Snow” e altre. Fra le collaborazioni più importanti (oltre al già nominato Lucio Battisti), ricordiamo quella con il pianista e compositore Augusto Martelli e con il bassista e arrangiatore Pino Presti.

Negli ultimi giorni è uscito un nuovo spot di Timvision, il quale ha come sottofondo una cover di Mina de “I sogni son desideri”, la celebre versione italiana della canzone di Cenerentola. In attesa di sentire la versione per intero, le auguriamo buon compleanno.

Alberto Ballottari

Commenta