Roma, 30 set – Luigi Di Maio dice addio alla politica, ma a quanto pare anche a Facebook. Del resto le due attività sono spesso inscindibili.

Di Maio, dopo l’addio alla politica, l’addio a Facebook?

Dopo l’ultimo post da “lacrima strappastorie”, in cui l’ex esponente grillino ringrazia tutti quelli che hanno partecipato alla sua “avventura” con Impegno civico, la pagina Facebook di Luigi Di Maio è sparita. Per la verità, già successivamente al voto – disastroso per l’ormai ex ministro – aveva dominato il silenzio. Le ultime settimane di campagna elettorale erano state per Di Maio ai limiti del ridicolo, mentre i sondaggi vedevano il suo partito non decollare mai, rendendo evidente da subito la difficoltà di superare lo sbarramento e di entrare così nel nuovo parlamento ridotto a seicento rappresentanti.

Una fine davvero squallida

Non possiamo ovviamente prevedere il futuro e sapere se l’addio al social network di Mark Zuckerberg sia definitivo o meno. Per dovere di cronaca, segnaliamo che, nel frattempo, la pagina Twitter di Di Maio è ancora attiva. Questo sebbene l’ex ministro, lì, non abbia neanche scritto un pensiero successivo al voto, a differenza di quanto avvenuto su Facebook. Per il resto, che dire: che i politici vadano dietro alle poltrone è cosa nota (e forse anche una semplificazione ridondante, in molti casi), ma nessuno più di Luigi Di Maio ha reso evidente questo stato di cose. In ogni caso, è difficile ipotizzare che l’ex grillino continuerà una qualche forma di attività anche fuori dall’aula di Montecitorio.

Stelio Fergola

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

Commenta