Milano, 18 nov – Vittorio Feltri ce l’ha con Carlo Calenda. La ragione? La notizia che quest’ultimo è in procinto di fondare un altro partito.

L’attacco su Twitter

Così il patron di Libero decide di intervenire su Twitter – strumento ormai da lui prediletto – per attaccare l’ex ministro delle Infrastrutture. “Avevo sempre pensato che Calenda fosse intelligente” si rammarica Vittorio Feltri “e invece pur di smentirmi ha fondato un partito, come se ce ne fosse bisogno”. Molti dei suoi followers gli danno ragione – Feltri ha orma un nutrito partito di fans su Twitter che pendono dalle sue labbra – ma, questa volta, il numero di coloro che gli danno torto raggiunge quello degli aficionados. “Anche Berlusconi fondò un partito” scrive qualcuno “era stupido?”. “Sotto l’effetto dell’alcool si scrivono molte cretinate” dice qualcun’altro, alludendo alla passione di Feltri per lo champagne e altri alcoolici.

La risposta di Calenda

Ma la risposta più sorprendente la dà forse lo stesso Calenda che, proprio come Feltri (e come lui stesso ha confermato nella sua intervista a Daria Bignardi) passa molto tempo su Twitter. “A chi lo dici Vittorio” risponde ironicamente Calenda “Abbiamo tutta questa fantastica scelta oggi. Gente preparata, capace…perché darsi pena“. Calenda è famoso per le sue battute quindi, per una volta, Feltri non ha trovato terreno fertile per le sue critiche. Attendiamo, comunque, con ansia la sua risposta perché di solito la sua ironia è spiazzante.

Ilaria Paoletti

2 Commenti

Commenta