Genova, 26 gen – Andrea Del Ponte è uno dei professori più noti del  celebre liceo classico del capoluogo ligure, il D’Oria.
Del Ponte insegnante di greco e latino nonchè presidente nazionale del “Centrum Latinitatis Europae” ha pubblicato uno stato  sulla sua pagina Facebook: una fotografia dell’ultima puntata del programma Rai “Alla lavagna” in cui è immortalato l’ex deputato del Partito comunista Vladimir Luxuria intento a parlare ad una classe di bambini.
A corredo di tale immagine, il “prof” ha condiviso un  il link che rimanda ad una petizione on line per la cancellazione del programma: “No alle ‘lezioni di transessualità’ per bambini coi soldi pubblici: chiudete il programma “Alla lavagna” su Rai3″.
E Dal Ponte aggiunge: “Firmiamo in massa! Basta con il plagio delle menti dei bambini ad opera dei pervertiti sulla tv di Stato”.

Già nel 2015 il docente era balzato agli onori delle cronache per la sua contrarietà a tali iniziative: “Sono assolutamente contrario alla teoria gender nelle scuole. È un’autentica follia che porta allo smantellamento di un pilastro fondamentale della civiltà europea e occidentale, la famiglia quale cellula fondante della società”; questa fu la sua dichiarazione rilasciata a La Repubblica. E sempre in un post sui social del medesimo anno a proposito del corteo del gay pride a Genova si diceva ironicamente “dispiaciuto” di non essere a Istanbul o Teheran, capitali di nazioni dove l’omosessualità è fuori legge.

Vladimir Luxuria si definisce “amareggiata” dalle parole del professore “perché essendo laureata in Lettere speravo che chi ha avuto la possibilità di studiare la letteratura, come è nel caso del professor Del Ponte, ne avesse ricavato un’apertura mentale più ampia”. Non solo: l’opinione del professor Del Ponte sarebbe addirittura pericolosa.
“Sono spaventata perchè penso che questo docente sia un vero pericolo. Non voglio immaginare cosa potrebbe provare un adolescente gay nella sua classe dopo aver letto le sue considerazioni sui social”.
I dirigenti del liceo genovese sono corsi ai ripari e dopo aver posto le loro scuse hanno invitato il trans più famoso d’Italia presso la scuola: aspettiamo con ansia il dibattito tra Vladimiro Guadagno e i professor Andrea Dal Pont.

Ilaria Paoletti

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

5 Commenti

  1. Come ,da molti , sostenuto in tempi non sospetti di bravi professori ed educatori ne esistono tanti, persone convinte che il nucleo familiare tradizionale sia uno dei fondamenti della società occidentale………poi , facendo riferimento a sodomiti, pervertiti e frociame vario si diano ragione a vicenda e non rompano i coglioni………penosi.

  2. Che commento volgare!
    La famiglia non si basa sull’ordinamento sessuale di quelli che la compongono, ma sui valori delle singole persone. Questo è il fondamento della società.
    Informati, troglodita analfabeta.

  3. Lylli, 1) cosa sarebbe l’ORDINAMENTO SESSUALE ? Prendi il vocabolario, studia l’italiano e il significato delle parole.
    2) La società può essere fondata sui valori dei trans solo se vuole esaurirsi, finire, suicidarsi per mancanza di nascite.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here