Roma, 9 giu – Capitan Ovvio da oggi è il soprannome prediletto per Mario Draghi, che all’Ocse sciorina un discorso sulla crisi in atto così pieno di banalitù – e povero di soluzioni, da lasciare quasi abbattuti, come riporta anche Tgcom24.

Capitan Ovvio Draghi all’Ocse sull’inflazione

Capitan Ovvio Draghi ci regala un commento di saggezza sull’inflazione, commentando la guerra: “L’invasione russa dell’Ucraina ha portato a un significativo peggioramento delle prospettive di crescita e a un forte aumento delle aspettative di inflazione”. E per combattere l’aumento dei prezzi Mario Draghi indica una via: “Bisogna introdurre un tetto ai prezzi dell’energia”. Il contesto è Parigi, alla sede dell’Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico). E il tema delle prospettive di crescita allarma. Draghi prosegue così: “Insieme all’energia, i prezzi dei generi alimentari stanno contribuendo a far salire il tasso di inflazione anche nei paesi più ricchi. Nell’area dell’euro, i prezzi sono aumentati dell’8,1% a maggio rispetto all’anno precedente. Tuttavia, se escludiamo elementi come energia e cibo, l’aumento è solo circa la metà, un salto significativo, ma molto inferiore rispetto agli Stati Uniti”.

Nuove ovvietà sullo sblocco dei porti

Sbloccare i porti per evitare la catastrofe alimentare, se non altro, è la più tollerabile delle ovvietà. Almeno inquadra il problema in una prospettiva meno superficiale. E così, per Draghi, “lo sforzo per evitare la crisi alimentare deve iniziare dallo sblocco dei porti e della migliaia di cereali che sono lì. Lo sforzo di mediazione delle Nazioni unite è un notevole passo in avanti, sfortunatamente è l’unico”, ha detto il premier a proposito della guerra in Ucraina, sottolineando che il blocco del grano sta facendo “aumentare i prezzi causando una catastrofe a livello mondiale”. Tutti questi bei propositi come vengono affrontati? Ovviamente, fornendo armi all’Ucraina. Ancora. E continuando con le sanzioni. Ancora. Ma questi sono dettagli. Per quest’oggi, Capitan Ovvio ha detto anche troppo, fotocopiando dichiarazioni espresse decine di volte.

Alberto Celletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta