Il Primato Nazionale mensile in edicola

bieberRoma, 30 apr – A forza di giocare al “bad boy” è stato accontentato. Sbarcato a Roma per partecipare alle riprese di Zoolander 2 al fianco di Ben Stiller, l’idolo delle ragazzine Justin Bieber ha ricevuto ieri nella sua suite dell’hotel Cavalieri Hilton di Roma una visita della polizia.



Tutta colpa di un mandato d’arresto internazionale spiccato dal giudice argentino Alberto Julio Banos. Alla popstar 21ennesarebbe contestata la sua mancata presenza davanti alla Corte per rispondere alle accuse di aggressione e furto ai danni del fotografo Diego Pesoa, in un locale di Buenos Aires, nel 2013. Insieme a lui sarebbero ricercati ai suoi bodyguard, Hugo Alcides Hesny e Terrence Reche Smalls.

La segnalazione che ha autorizzato le forze dell’ordine a procedere all’arresto ai fini estradizionali sarebbe arrivata subito dopo la registrazione di Justin Bieber presso l’albergo.

Il provvedimento argentino nei confronti del cantante canadese è ora allo studio delle autorità italiane per verificare se sia applicabile anche nel nostro Paese. Ma in base agli accordi tra i due paesi e al tipo di reato denunciato dal paparazzo sembra non siano previsti in questo caso interrogatori o manette. Anche alcuni fonti della Questura precisano che nei suoi confronti “non c’è nessun provvedimento restrittivo”.

Bieber dovrebbe rimanere a Roma fino al primo maggio, oltre che per Zoolander 2 anche per girare il nuovo video “Where Are Ü Now”.

Roberto Derta

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta