Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 20 mag – “Non andrò a dormire, a fianco a mia moglie con il fegato di un altro uomo. Non so neanche se era omosessuale o dipendente da qualche droga”. Così Vicente Fernandez, musicista popolarissimo in Messico e definito “il re della musica ranchera”, ha risposto ai medici che avevano proposto a lui, malato di cancro, un trapianto di fegato. Durante un’intervista al programma televisivo De Primera Mano, il musicista ha raccontato la sua lotta contro il tumore spiegando di aver rifiutato l’organo per il timore che potesse provenire da una persona gay.



Una dichiarazione che inevitabilmente ha scatenato una ridda di polemiche in patria e non solo. Nonostante l’insistenza dei medici, Fernandez ha poi sottolineato di essersene andato dall’ospedale tra le risate generali dopo la sua affermazione. In seguito al polverone scatenato, sulla vicenda è intervenuto il figlio del popolare “ranchero”, per difenderlo dalle accuse: “Mio padre non ha mai detto nulla di omofobo, l’unica cosa che ha detto è che non sarebbe andato a dormire con il fegato di un altro uomo”.

Black Brain

La diagnosi del tumore è avvenuta in seguito a un malore avuto dall’artista messicano durante un tour oltre confine, in Texas. Non è passato molto tempo prima che saltasse fuori un donatore compatibile, ma Fernandez non ne ha voluto sapere. Hanno prevalso i suoi timori che non ha esitato a esternare in tv. Il musicista, che ha realizzato 50 album e contribuito a più di 30 film messicani, non è molto conosciuto al pubblico di lingua non spagnola, ma ha venduto oltre 50 milioni di copie in tutto il mondo ed è stato inserito nella Hollywood Walk of Fame. I suoi spettacoli sono famosi per essere accompagnati da un gruppo di mariachi.

Alessandro Della Guglia

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta