Roma, 30 gen – Mimmo Lucano il sindaco dell'”accoglienza” (e degli appalti forse assegnati illegalmente) torna a lanciare i suoi strali contro il governo durante l’ultima iniziativa relativa alla campagna per la candidatura della città di Riace – la sua, quindi – a premio Nobel per la pace per l’anno 2019.

E tuona da questa manifestazione: “Chi ci governa dovrà rispondere di crimini contro l’umanità: è come Pinochet perché passa sulla pelle degli esseri umani”.
Ma tiene anche a precisare, quando gli viene chiesto qualcosa in merito alla sua posizione giuridica: “La mia situazione personale è del tutto insignificante rispetto a ciò che sta accadendo”.
Le belle parole non finiscono qui : “I giovani vanno sensibilizzati. Iniziative come quelle del liceo Amaldi di Roma dovrebbero ripetersi tutte le settimane”. Lucano dunque appoggia il fatto che, invece di proseguire la regolare attività didattica, gli studenti del liceo di Tor Bella Monaca siano stati – in effetti – costretti ad ore di discussione sugli immigrati, la Sea Watch e lo sgombero del Cara di Castelnuovo.

“Dovrebbero farlo tutti lo ‘sciopero al contrario'” ha insistito Lucano “e una discussione sui temi dell’attualità dovrebbe far parte integrante della didattica. Ciò che stiamo vivendo oggi è l’epilogo inevitabile in cui ci ha portato la società dei consumi, allontanandoci dalla sensibilità umana e portandoci verso l’indifferenza e l’egoismo. Il ruolo della scuola è quello di sensibilizzare e di coltivare il fermento, anche della ribellione“.
E questa insofferenza alle regole del vivere civile il paladino dei diritti umani made in Calabria deve averla senz’altro trasmessa ai suoi sostenitori: è di poco tempo fa la notizia del triste “tentativo” di assegnargli la cittadinanza onoraria di Roma con un’iniziativa di grande respiro del Municipio VIII, tentativo bloccato sul nascere per la mancanza dell’approvazione da parte del Sindaco della città Virginia Raggi.

Ilaria Paoletti

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here