Il Primato Nazionale mensile in edicola

Jerez de la frontera, 5 mag – Dopo FP1, FP2 e qualifiche molto variegate, risorge dalle ceneri dello scorso GP delle americhe un Marquez in grande spolvero, che immediatamente dopo la partenza prende la testa della gara e non la molla fino alla bandiera a scacchi.

Bene Suzuki e Yamaha

Le due Yamaha clienti del team Petronas di Morbidelli e Quartararo (il poleman piu giovane della storia della motogp dopo questo week end di gare) devono cedere il passo a pochi giri dall’inizio della gara, mentre la Suzuki di Rins in ascesa continua, e la Yamaha di Vinales arrivano alla riscossa.

Rimonta di Rossi

Le due Ducati del team ufficiale invece sono costrette alla rincorsa, nonostante il quarto ed il quinto posto di Dovizioso e di Petrucci siano un ottimo risultato in una pista come quella di Jerez, pista non congeniale ai motori desmodromici della casa italiana di Borgo Panigale.
Ottima prova, nonostante tutto, quella di Rossi che recupera numerose posizioni dalla pit lane e quella di Espargaro su Aprilia. Grande dispiacere per il giovane Quartaro alla presa con Problemi tecnici che gli impediscono di chiudere la gara.

Questo l’ ordine di arrivo dei primi 15:

1. Marquez (Honda)
2. Rins (Suzuki)
3. Vinales (Yamaha)
4. Dovizioso (Ducati)
5. Petrucci (Ducati)
6. Rossi (Yamaha)
7. Morbidelli (Yamaha)
8. Crutchlow (Honda)
9. Nakagami (Honda)
10. Bradl (Honda)
11. A. Espargarò (Aprilia)
12. Lorenzo (Honda)
13. P. Espargarò (KTM)
14. Zarco (KTM)
15. Rabat (Ducati)

Classifica aggiornata:

1 Marc Márquez 70
2 Alex Rins 69
3 Andrea Dovizioso 67
4 Valentino Rossi 61
5 Danilo Petrucci 41
6 Maverick Vinales 30
7 Jack Miller 29
8 Takaaki Nakagami 29
9 Cal Crutchlow 27
10 Franco Morbidelli 25

Tommaso Ceccarelli

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Invito l’autore dell’articolo ad essere più mordace nei giudizi e più velenoso nei commenti………purtroppo il campione del mondo M.M. ha inflitto l’ennesima lezione ai colleghi in un circuito a lui assai caro………..ai piloti della Ducati e della Yamaha ufficiali sarebbe ora di dire di darsi una sacrosanta svegliata………..ai ducatisti in particolare.

Commenta