Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 20 lug – “Adesso Salvini andrebbe seriamente fermato. Anche con modi bruschi”, queste le parole scritte dal giornalista Antonio Padellaro sulla rivista online ilfattoquotidiano.it. Parole irresponsabili e pericolose quelle vergate da Padellaro, quasi una “insofferenza alla democrazia” che si nota anche nelle parole di altri intellettuali e politici, radical chic e cialtroni che si atteggiano a guru. Per loro l’avversario politico è un criminale o un nemico da abbattere “anche con modi bruschi”.
Isterie drammatiche in un Paese uscito, in tempi non lontanissimi e con fatica, dagli anni di piombo e che ha rischiato seriamente di crollare sotto i colpi del terrorismo di varia matrice. Padellaro ha postato l’articolo anche sulla sua pagina fb: la maggior parte degli utenti ha reagito sommergendolo di critiche e insulti, pochi gli interventi di apprezzamento a Padellaro molti quelli in difesa di Salvini. “Gli atti osceni sono i vostri vergognatevi”, “disdico l’abbonamento al Fatto Quotidiano”, “Ma lei che giornalista è? cambi mestiere”, “Se qualcuno tocca Salvini qui sarà guerra civile”, “Patetico”, “E’ vero. E la cosa oscena è lo sciacallaggio che fate voi e quelli di sinistra in generale Padellaro, cercando di strumentalizzare il dolore, la morte, le donne e i bambini, e imputandole in maniera disgustosa ai vostri nemici politici. Quando in realtà i responsabili oggettivi sono tutti quelli che spingono e incentivano queste ondate migratorie incontrollate. E avete il pelo sullo stomaco di buttarvi come sciacalli sul primo bambino morto pur di colpire i vostri nemici politici e chi non la pensa come voi, persino prima di accertarvi che le notizie diffuse siano reali e non delle falsità, come sembra confermato anche nell’ultimo caso”.
Gaetano Montalbano



Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

5 Commenti

  1. Quando non hanno il potere gettano la maschera, evidenziando la loro intolleranza, la loro violenza, la loro non accettazione dell’altro. Sia chiaro a tutti i non-conformisti: il vero “sinistro” è il Padellaro che parla in quei termini, non esiste un altro sinistro. Con questi non è possibile il dialogo, semplicemente perché non concepiscono il *nemico leale che può anche avere ragione*, concepiscono solo chi è nel giusto (e dalla parte della storia, ovviamente “progressiva”) e chi è nell’errore; e chi è nell’errore può anche essere “corretto” con la forza.

  2. Un nano umanoide, spregevole, un finto comunistoide,falso e parziale, che si permette di sparlare su un ministro consapevole che nessun magistrato sinistro lo toccherà e che nessun media lo attaccherà……. Ignobile nei toni e nei modi,proprio lui che vuol fare il maestrino…….di sto cazzo.

  3. Padellaro non e da prendere in considerazione prima di parlare di salvino si sciaqui la bocca con la faccia da comunista padellaro e una padella fon la faccia da vecchi bolscevico e un giornalista da internare in più u
    N gulag di suoi anici comunisti

Commenta