Roma, 26 mar – Ci sarebbe una svolta sul caso della cittadinanza di Ramy, il ragazzo di origine egiziana che assieme ad altri compagni avrebbe chiamato le forze dell’ordine per fermare la furia omicida di Ousseynou Sy, permettendo così ai carabinieri di salvare da una morte orribile una scolaresca di 50 ragazzini prigionieri nell’autobus guidato dal senegalese. Il sito Dagospia ieri ha pubblicato un video girato all’aereoporto di Milano in cui il padre dello studente confessa che lui non aveva alcuna intenzione di chiedere la cittadinanza, non avendola mai richiesta in 18 anni di permanenza sul suolo italiano: sarebbero stati i giornalisti a farglielo dire per strumentalizzarlo.

Cristina Gauri

 

Commenta