Roma, 13 giu – La potenza del Pd, dei suoi “fratelli” e dei “suoi giornali”. Sul referendum ciò che emerge, imponente, è questo dato, ben più che a livello di sensazioni, come già emerso nel passato in più di un’occasione.

La potenza del Pd comanda, i sudditi obbediscono

Potenza culturale del Pd portami via, si potrebbe pensare. Il flop di ieri è frutto anche di questo, sebbene ovviamente non possa considerarsi l’unica causa. Certamente, il modo in cui il Nazareno, peraltro senza neanche urlare troppo, si è espresso per i cinque “No”, e l’invito all’astensionismo verificatosi drammaticamente alla prova delle urne, sono l’ennesima dimostrazione di questa forza. “Feudo” non a caso il Pd, e non certo nei canoni dei classici diritti medievali, ma in quelli – semplificati – di una minoranza organizzatissima che detta legge e convince la maggioranza a fare sostanzialmente ciò che vuole.

Repubblica e il suo “endorsement all’astensione”

Repubblica, in particolare, si era espressa chiaramente: “Ebbene, riteniamo che su tutti e 5 i quesiti sia opportuno votare No oppure non recarsi al voto, per non consentire il raggiungimento del quorum (scelte entrambe legittime).” Un esplicito invito all’astensione che ha trovato terreno fertile, visti i risultati imbarazzanti di ieri. Certamente, non si possono risparmiare le critiche a una cittadinanza amorfa e sostanzialmente ignava, ma ciò non toglie che il potere di condizionamento espresso dai quartieri alti del Nazareno sia decisamente impressionante, tacendo su tutto il resto.

Stelio Fergola

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Ancora vi sorprendete? Sono stati lavati il cervello ma si vantano di essere superiori… siamo noi i veri pensatori

Commenta