Roma, 9 ago – A Rimini una truffa alberghiera colossale, almeno stando ai primi numeri circolati dai clienti raggirati, organizzatisi in un gruppo su Facebook.

Rimini, l’incredibile truffa di due albergatori

I clienti erano giunti, dopo aver prenotato per il periodo di Ferragosto, nella cittadina romagnola, e – soprattutto – con la caparra già versata. Secondo le informazioni riportate su Tgcom24, le recensioni con il titolo “truffa” sull’hotel in questione ormai abbondano. I sospetti erano in circolo già da alcune settimane. La certezza, quando gli ultimi truffati sono arrivati sul posto, non trovando né l’hotel aperto né tantomeno i titolari. Ovviamente, anche la cucina – che si aspettava chi aveva prenotato una pensione completa – chiusa. Il totale sembrebbe impietoso: 500 prenotazioni effettuate con una disponibilità, per l’hotel a due stelle, di appena 40 posti. A Rimini, insomma, la truffa alberghiera sarebbe davvero colossale.

Titolari spariti nel nulla

I dipendenti dell’hotel hanno ammesso tutto. Soprattutto, il fatto che l’ambiguità sarebbe andata avanti da settimane. D’altronde, loro non c’entrerebbero nulla. I truffati, grosso modo, testimoniano sempre la stessa cosa: “Avevamo versato la caparra, ma ci è stata annullata la prenotazione”. Poi aggiungono: “Siamo venuti ora e non c’è nessuna stanza“, come dice una signora di Arezzo che afferma di aver prenotato fino a Ferragosto. E di fronte all’albergo, ogni mattina, una carovana di clienti che urlano, protestano contro la truffa subita. “Non c’è nessuno che spieghi”. C’è chi, arrivato il 6 agosto, aveva prenotato per 10 giorni, versando una caparra di 400 euro. Dei due proprietari non c’è alcuna traccia. L’hotel, però non è ancora stato chiuso. La spiegazione dell’Associazione Albergatori Rimini risiede nel fatto che senza la pec il provvedimento non può essere ancora notificato, contando anche la residenza dei titolari a Torino.

Alberto Celletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Hanno confuso file piadine con file camere e la cucina è restata chiusa per problemi di fornitura internazionali…

Commenta