Sassuolo, 28 nov – Un altro orribile stupro, un episodio terribilmente analogo a quello di Desirée, 16enne di Cisterna di Latina trovata morta dopo essere stata drogata e poi violentata. A Sassuolo una ragazza di 17 anni è stata picchiata e poi abusata da tre clandestini marocchini. Un fatto venuto alla luce adesso ma risalente allo scorso 14 marzo e anche in questo caso legato a una storia di droga. Un altro stabile abbandonato, un ex stabilimento di ceramiche nella periferia della città emiliana divenuto sede illegale dello spaccio locale gestito da nordafricani. Fortunatamente però, a differenza della povera Desirée, la ragazza è riuscita a denunciare l’episodio e a salvarsi.

La 17enne violentata a Sassuolo era solita frequentare la fabbrica abbandonata, vi si recava per procurarsi dosi di droga giornaliere dal fidanzato marocchino di 32 anni. Secondo le prime ricostruzioni la giovane già in passato era stata malmenata dal magrebino, fino al culmine arrivato con la violenza da parte del 32enne coadiuvato dal fratello 52enne e da un altro connazionale di 22 anni. “Ero con loro nella ceramica abbandonata, abbiamo iniziato a litigare all’improvviso, io e lui. Ci eravamo frequentati. All’improvviso mi ha trascinato a terra e loro mi hanno tenuta ferma”, ha riferito la giovane alle autorità ricostruendo il drammartico episodio, come riportato da Il resto del Carlino.

“Poi gli altri due mi hanno tenuta ferma e lui ha continuato a colpirmi”, ha specificato la 17enne. Poi lo stupro, con il 32enne che ha infierito su di lei. I tre uomini arrestati, il 52enne e il 22enne accusati solo di lesioni aggravate mentre il 32enne di violenza sessuale aggravata, considerata l’età della vittima, sono tutti clandestini (i loro permessi di soggiorno erano scaduti) e con precedenti per spaccio. Uno degli imputati è da tempo latitante.

Alessandro Della Guglia

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

3 Commenti

  1. Benissimo,ne danno il lieto annuncio le pseudo femministe piddine, comunistoidi vari e lerciume dei centri asociali………. poveri spacciatori marocchini, disturbati nel loro pregevole lavoro da una ragazzina italiana……… spero che la magistratura intervenga prontamente e allontani la spregevole italiana dai magrebini………chi vuol capire ha capito……..che merda di paese.

  2. quanto squallore osceno la perdita dei valori. bambine che si bucano e vanno con barboni drogati consumando macchinosamente rapporti sessuali.bambini disincantati come neppure un vecchio dopo tutta una dura vita. stufi di vivere ancora prima d’aver cominciato.
    ricominciare da dio,la famiglia e la patria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here