Roma, 25 set – Ieri, a L’aria che tira su La7, era ospite in collegamento Giulio Tremonti. Il tema della discussione era Greta Thunberg e il ruolo dei cambiamenti climatici. E l’ex ministro dell’Economia, su quest’argomento, ha idee molto chiare: «Il cambio climatico c’è sempre stato. Se uno pensa che Greta Thunberg sia un fatto spontaneo e naturale, forse non ha idea di quale macchina politica e mediatica sta dietro Greta, con un investimento di capitali straordinario alle spalle».

«Cambio climatico? Normale»

In polemica con Fausto Bertinotti presente in studio, Tremonti si è scagliato contro il catastrofismo e le green fake degli ambientalisti radicali: «Esistono problemi di cambio climatico, di inquinamento e di ridisegno dell’industria nel mondo. Il cambio climatico c’è sempre stato. Uno si può chiedersi perché la Groenlandia si chiama così: era verde ed è diventata grigia. Il cambio climatico è parte della storia dell’umanità. Ma un conto è il cambio climatico, un altro conto l’inquinamento».

Leggi anche: Altro che paladina dell’ambiente: ecco chi c’è dietro Greta Thunberg

Tremonti contro Greta

E poi, sulla referente del movimento contro il riscaldamento globale, la 16enne Greta Thunberg, l’ex ministro richiama tutti alla realtà: «Se uno pensa che Greta sia un fatto spontaneo e naturale, forse non ha idea di quale macchina politica e mediatica sta dietro Greta. Non è mica Giovanna d’Arco, è un fenomeno complesso con un investimento di capitali straordinari ed è il tentativo di ridisegnare la struttura industriale fatta con la globalizzazione». Tremonti si spiega: «L’idea non è più produrre merci dove il lavoro costa poco ma non vengono comprate e devono quindi essere trasferite inquinando. Facciamo la produzione dove ci sono anche i consumatori. Questo è un modo, di fatto, per battere la Cina».

Vittoria Fiore

6 Commenti

  1. Greta nonostante venga rappresentata come paladina della Natura è in realtà un prodotto artificiale.
    Quanto all’intelligenza, come ha affermato il filosofo Onfray, è un’intelligenza da ventriloquo.

  2. “Il cambio climatico c’è sempre stato” è uno dei più sciocchi, datati e confutabili argomenti negazionisti. I climatologi e scienziati in generale che hanno formulato la dello AGW, sono ben consapevoli dei cambiamenti del passato e ne hanno tenuto conto nei loro studi. Infatti, gran parte delle loro certezze vengono anche da analisi comparative delle anomalie climatiche precedenti con quella corrente, che hanno evidenziato rilevanti differenze in termini di tempistiche, entità, condizioni ecc….. A tal proposito varebbe la pena di leggere una ricerca recentemente pubblicata su Nature e sottoposta a revisione dei pari al LINK che segue: https://l.facebook.com/l.php?u=https%3A%2F%2Fwww.nature.com%2Farticles%2Fs41586-019-1401-2%3Ffbclid%3DIwAR1b2lh3ing4zqjG6FyvNsNu-KynZA9eR4vPNKBOX-g4Oqpc4jLHnosPzCQ&h=AT29bImrkwXXG-ygPpycC1hn8gehvHhENDcuJjk5uvNNL3Vgc0mjWCbMLJaHEQVJRlVrqmE-upcfoaEgUtB6jxTlwYijVaKnys2AQqqvpqwL_xdXVb7-Zg1l2s7UiHLoNas

  3. Soltanto un’ analfabeta, (uno di quelli che sono soliti dare dell’ analfabeta a chiunque dimostri buon senso ed elementare preveggenza sulla naturale parabola di certi “fenomeni” , siano essi: migratorii, politici, di costume o economici, etc. etc. ,gestiti con i piedi), può credere per davvero che il “gretinismo” , o un qualunque fenomeno simile portato avanti da un minore, o da un “minus habens” qualsiasi, possa avere una simile risonanza planetaria senza che nessuno “unga” le ruote. E le suddette “ruote” debbono essere “unte” parecchio, per usare un eufemismo, se molti “potenti” della Terra, svergoglio compreso, si prestano a fare la figura degli emeriti coglioni genuflettendosi di fronte ad una ragazzina, che è già molto poco definire: insipidina. A parte il solito, pragmatico e “politicamente scorrettissimo” TRUMP, uso ad affermazioni, come quella sul patriottismo che rappresenta il futuro, ed il globalismo visto come fenomeno aberrante e blasfemo. (Quale effettivamente è…), che i paesi da cui provengono i negranti sono : paesi – cesso e che l’ “emergenza climatica” è una bufala. (O : “fake new”, come direbbero le persone “colte” che sanno solo scimmiottare la lingua dei vincitori dell’ ultima guerra e dell’ “ideologia” globalista. Affermazioni che di sicuro infastidiscono non poco la famiglia giudaica & sionista del genero del Presidente, e tutte le altre famiglie, altolocatissime, che fanno parte della stessa camarilla turboglobalista che vuole rimodellare e reimpastare i rapporti tra governanti e governati. Comunque, piaccia oppure no, di gretina & seguaci si continuerà a parlare, fino a quando il fenomeno esaurirà la sua naturale parabola, come il movimento hippie, sessantottismo, yuppie, etc. etc. . La gretina è soltanto uno, l’ ennesimo, piffero usa & getta che il “pifferaio magico” mondialista ci ha scodellato. E che, purtroppo, non smetterà di snocciolarcene altri. Una maledetta “arma automatica” che non si inceppa mai. Perennemente puntata su di noi!

  4. Mr “Gio” ora esiste pure il negazionismo ecologico ? Non bastavano le cazzate sul nazismo ?
    Nazismo che detiene il primato sulle teorie Vegan ed ecologiste…..
    si informi !

    Grande analisi di Tremonti , come sempre ,
    se non parlasse come Paperino forse avrebbe più seguito ….
    Purtroppo spesso viene ascoltato di più un fesso con voce suadente , o una rincitrullita che ripete a memoria , istruita da imbonitori imbroglioni …

Commenta