Il Primato Nazionale mensile in edicola

Verona, 29 dic – Per celebrare il 50esimo anniversario del sacrificio di Jan Palach la provincia di Verona patrocinerà un concerto-tributo. Il giovane patriota cecoslovacco divenne simbolo della resistenza anti-sovietica del suo Paese e il 16 gennaio 1969 si diede fuoco in piazza Venceslao a Praga. Jan Palach morì dopo tre giorni di agonia, e al suo funerale parteciparono oltre 600mila persone.



L’evento veronese, dal titolo “Terra e libertà”, si terrà il 19 gennaio in località da rivelarsi e prevede la partecipazione di Hobbit, Compagnia dell’Anello e Topi Neri: ed è stato presentato dal consigliere comunale Andrea Bacciga, detto “Barzi”, che l’estate scorsa finì nell’occhio del ciclone per avere teso il braccio in consiglio comunale a Verona, rivolgendosi alle attiviste di “Non una di meno”. L’iniziativa è promossa dall’associazione culturale “Nomos – terra e identità”. Gli utili del concerto verranno lodevolmente devoluti alle famiglie veronesi danneggiate dall’alluvione del primo settembre 2018.

Il concerto ha provocato le puntuali e prevedibili proteste e l’indignazione della sinistra veneta, primi fra tutti i collettivi antifascisti che hanno intimato alla Provincia di revocare il patrocinio. Le varie formazioni stanno organizzando manifestazioni di protesta. Immancabile anche il commento dell’ex deputato del Pd (ora “Possibile”) e cittadino veronese Pippo Civati: “Le istituzioni veronesi patrocinano un concerto nazirock promosso da un consigliere comunale. La Costituzione italiana è sospesa?”.

Anche La Repubblica commenta allarmata il tentativo, da parte delle formazioni identitarie, “di appropriarsi culturalmente e politicamente della figura di Palach: iniziative, convegni, articoli celebrativi su blog e testate di area. E ora anche questo discusso concerto patrocinato dalle istituzioni veronesi. Come se Palach fosse un nuovo simbolo fascio-sovranista.” L’ennesima lezioncina morale impartita da quella sinistra che vorrebbe mettere il copyright su ambiti storici e culturali secondo convenienza: nel caso di Palach, morto opponendosi al comunismo, la cosa risulta particolarmente grottesca.

Cristina Gauri

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Articolo precedenteGiubbe Rosse, fallisce lo storico caffè dei futuristi fiorentini
Articolo successivoYunArmiya: la Russia addestra i piccoli soldati di Putin
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

1 commento

  1. Jan Palach era un giovane comunista. Nel 1967 partecipò a un viaggio di lavoro in Kazakistan e l’anno successivo fu il principale organizzatore di un lavoro estivo nella regione di Leningrado. Si diede fuoco per invitare i Cechi e gli Slovacchi a difendere il comunismo democratico della Primavera di Praga. Per saperne di più si può consultare il sito in lingua italiana a lui dedicato dalla sua università: http://janpalach.cz/it/default/index

Commenta