Roma, 4 dic – Si giocherà nel pomeriggio odierno la quindicesima giornata di Serie B. Nonostante il rallentamento registrato nello scorso fine settimana, Frosinone (31 punti) e Reggina – cinque lunghezze sotto – guardano dall’alto la classifica del campionato cadetto. Una domenica di pallone italiano piuttosto importante in quanto sia la capolista che la diretta inseguitrice saranno impegnate in due trasferte a dir poco insidiose. I giallazzurri faranno visita al coriaceo Sudtirol, in serie positiva da ben undici giornate. Gli amaranto invece giocheranno a Brescia: la personale rivincita di Pippo Inzaghi potrebbe al contrario trasformarsi per le rondinelle nella possibilità di agganciare la seconda forza del campionato.

Nel frattempo ieri pomeriggio il Venezia ha preso una boccata d’ossigeno battendo 2-1 la Ternana. Cagliari-Parma, sfida tra le grandi delusioni del corrente torneo, si è invece conclusa sul punteggio di 1-1.

Sfide al vertice per Frosinone e Reggina

Nonostante sia la miglior difesa del torneo con nove reti subite, per il Frosinone le due marcature incassate nell’ultimo turno – che solo per un fuorigioco millimetrico non sono diventate tre – devono suonare come un campanello d’allarme. Disattenzioni simili (dormita su un lancio lungo senza troppe pretese, fallo da rigore decisamente evitabile) potrebbero costare ancora più caro contro un avversario senza tanti fronzoli come il Sudtirol. Dopo sei vittorie di fila il mezzo passo falso degli uomini di Fabio Grosso è da considerare fisiologico, fare bottino pieno in Alto Adige sarebbe quindi un segnale forte a tutto il campionato.

Dopo un ottobre da incubo con quattro punti in cinque gare, il mese di novembre ha ridestato la Reggina. Vinto lo scontro diretto contro il Genoa ed espugnato il Penzo di Venezia, i calabresi si sono fatti rimontare un doppio vantaggio dal Benevento. Oggi si troveranno di fronte il Brescia, 23 punti ma non proprio in ottima salute. Il successo delle rondinelle sulla Spal è stato un brodino caldo per una compagine che dopo le sei reti rimediate a Bari ha racimolato la miseria di cinque pareggi (e un’altra sconfitta).

Le altre gare di alta classifica

Rimanendo ai piani alti, turno sulla carta favorevole al discontinuo Genoa che ospiterà il Cittadella. In questa cruciale domenica di Serie B da segnalare anche l’incontro del San Nicola tra Bari e Pisa. Attacchi prolifici contro difese non proprio ermetiche, anche se ai padroni di casa mancherà il capocannoniere marocchino Cheddira, al momento impegnato in Qatar con la propria nazionale. Rinvigoriti dalla cura D’Angelo – tornato in sella alla settima giornata – i nerazzurri con la “nuova” guida sono ancora imbattuti. E nell’ultimo fine settimana si sono tolti pure lo sfizio di far esonerare un tecnico livornese, ossia Cristiano Lucarelli, ormai ex della Ternana.

Lotta salvezza: classifica corta

A proposito dei sentitissimi derby di provincia. Alla mezza si incroceranno Spal e Modena, emiliane alla ricerca di punti utili ad allontanare i bassifondi della graduatoria. Sono solamente sei le lunghezze che dividono le ultime nove della classe, un serrato elenco che va proprio dai canarini (17) al Perugia fanalino di coda (11) oggi impegnato in casa del pericolante Cosenza.

Marco Battistini

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta