Cuneo, 8 lug — Attimi di vero e proprio terrore a Cuneo dove un albanese ubriaco ha centrato in pieno, travolgendoli, due ragazzi in scooter. Fortunatamente senza conseguenze fatali. L’incidente è avvenuto in piazza Galimberti nel centro della città piemontese, quando moltissimi cittadini si erano riversati nelle strade per festeggiare la vittoria degli azzurri nella semifinale degli Europei Italia-Spagna.

Albanese ubriaco investe frontalmente  due ragazzi in scooter

Lo schianto, violentissimo, è stato ripreso e diffuso sui social da uno dei presenti ed è immediatamente diventato virale. Vittime dell’immigrato sono una ragazzina di 13 anni e un ragazzo di 20. L’albanese, ubriaco e al volante di una Fiat Punto, è entrato a velocità folle sul sagrato della piazza assieme a molti altri mezzi — tra cui alcune moto e scooter — che suonavano il clacson e impennavano. A seguito del devastante impatto con la vettura dell’immigrato i due sono stati sbalzati a terra. La tredicenne ha riportato un trauma facciale ed è ora ricoverata in ospedale a Cuneo. Non sarebbe in pericolo di vita. 

I festeggiamenti sono proseguiti

Per quanto riguarda invece l’uomo alla guida dell’auto, è un cittadino albanese di 25 anni, rimasto illeso nella propria vettura: dall’alcoltest è emerso lo stato di ubriachezza dell’immigrato. L’impressionante incidente e l’intervento dei mezzi di soccorso non hanno però dissuaso i cittadini cuneesi dall’interrompere i festeggiamenti, che sono continuati in tutta la città e nei pressi dello scontro.

Cristina Gauri

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Articolo precedenteHaiti: uccisi quattro killer del presidente Moise, altri due arrestati
Articolo successivoPrendiamoci Londra, anche nel tennis. Avanti Berrettini, orgoglio italiano
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

1 commento

  1. Buongiorno. Ho appena scritto a La Stampa chiedendo il motivo per cui scrivono che le ragazze sono piemontesi, ma tacciono sul fatto che l’investitore e’ albanese….

Commenta