Home » Algerino ubriaco spezza il polso a un agente, ne pesta altri due: arrestato

Algerino ubriaco spezza il polso a un agente, ne pesta altri due: arrestato

by Cristina Gauri
2 comments

Ventimiglia, 29 gen – Tre poliziotti all’ospedale. E’ il bilancio dell’aggressione, ad opera di un 33enne immigrato di nazionalità algerina, avvenuta lo scorso 25 gennaio a Ventimiglia. L’uomo, completamente in balia dei fumi dell’alcol, si era scagliato con furia contro i tre agenti che stavano eseguendo le operazioni di fotosegnalamento. Il magrebino  è irregolare sul territorio italiano, pluripregiudicato e noto alle forze dell’ordine con numerosi alias di fantasia inventati di volta in volta per sviare le verifiche nei suoi confronti.

Il fatto avviene all’interno della stazione ferroviaria cittadina; una pattuglia della squadra volanti del commissariato decide di effettuare dei controlli a campione su alcuni immigrati che girovagano senza meta nelle vicinanze dei binari. Giunti al 33enne algerino, incontrano subito la sua resistenza. L’uomo prima cerca di fuggire, ma gli agenti riescono subito a raggiungerlo e bloccarlo. Una volta bloccato, lui non demorde e seguita a spintonare e divincolarsi dalla stretta delle forze dell’ordine, che a fatica riescono a farlo salire a bordo dell’auto di servizio. Il viaggio non è stato privo di problematiche: il magrebino gridava “Vi ammazzo, poliziotti di me**a”, mentre tentava di colpire a testate gli agenti e sferrava calci e pugni all’abitacolo, danneggiandolo.

Giunto al fotosegnalamento, l’immigrato ha sfogato la sua violenza in modo ancora più furioso: ha aggredito i 3 agenti preposti all’acquisizione delle impronte digitali, riuscendo a fratturare il polso ad uno di essi, e provocando contusione ad un gomito ed alla spalla per gli altri due. Per lo straniero è arrivato infine il momento della corsa in ambulanza verso l’ospedale, dove gli è stato eseguita la sedazione prevista dal trattamento sanitario obbligatorio. Il giorno successivo è scattato l’arresto: per lui si è aperto il carcere con l’accusa di resistenza, minacce, violenza e lesioni a pubblico ufficiale, oltre che per violazione delle leggi sull’immigrazione.

Cristina Gauri

You may also like

2 comments

Laziale 29 Gennaio 2020 - 10:17

Merde schifose da sparare in faccia senza pietà. Vermi di razza inferiore

Reply
SergioM 31 Gennaio 2020 - 11:54

Dotare le Forze dell’ ORDINE di taser costi bassi efficienza massima ,
Anche i cittadini dovrebbero comprarli …. penso sia legale come lo spray al peperoncino .

Reply

Commenta

Redazione

Chi Siamo

Il Primato Nazionale plurisettimanale online indipendente;

Newsletter

Iscriviti alla newsletter



© Copyright 2023 Il Primato Nazionale – Tutti i diritti riservati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: