casapound casale san nicolaRoma, 30 ott – Su richiesta del sostituto procuratore della Repubblica Eugenio Albamonte, il gip Giovanni Giorgianni ha emesso un’ordinanza di arresto per alcuni esponenti di CasaPound Italia in relazione agli scontri, avvenuti con le forze dell’ordine lo scorso 17 luglio, nei pressi di Casale San Nicola. I militanti di CasaPound erano scesi in piazza insieme ai cittadini della frazione romana per protestare contro l’insediamento, in una zona residenziale periferica, di un centro di accoglienza per centinaia di profughi. O almeno sedicenti tali.

LEGGI ANCHE – San Nicola, Di Stefano: “Macché profughi, quelli erano clandestini”

A seguito dell’arrivo dei primi autobus carichi di clandestini, i membri del movimento insieme a numerosi cittadini residenti si erano frapposti bloccando la strada. Ne era seguita una violenta carica da parte delle forze dell’ordine

La polizia carica i cittadini a Casale San Nicola – IL VIDEO

Due manifestanti furono arrestati nell’immediatezza degli scontri. A carico di altri furono inoltre, successivamente, emesse misure restrittive rientranti nella fattispecie del Daspo, il divieto ad assistere a manifestazioni sportive. Provvedimento che, da parte sua, fece discutere. Così come non mancherà di sollevare più di qualche dubbio l’esigenza di procedere con gli arresti di oggi.

“Ricordate i ragazzi di CasaPound che insieme ai cittadini di Casale San Nicola si opposero all’arrivo degli immigrati? Stamattina ne hanno arrestati 6. Alfano e magistratura colpiscono chi difende gli Italiani dalla TRUFFA dei “centri d’accoglienza” e si fanno sputare in faccia da chi devasta Milano. Buzzi e tutte le cooperative “d’accoglienza” ringraziano”, il commento a caldo del vicepresidente di CasaPound Italia, Simone Di Stefano.

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

4 Commenti

  1. Non ce limite in questo paese che vergogna quasi quasi meglio se ne vadano tutti a Cuba come questo Premier eletto con il ditto uguale al suo homologo cubano VERGOGNA VERGOGNA

  2. la solita dittatura della magistratura e dei sinistroidi, per i reati commessi dalla sinistra vengono insabbiati tutti gli altri perseguitati è una vera dittatura rossa, che schifo!!!!!

  3. Un regime di merda. La massima solidarietà ai camerati arrestati ed a tutta Casapound. Non dobbiamo cedere neppure un metro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here