Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 22 gen – Quale tema avrà affrontato Papa Francesco nella sua udienza generale alla Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani? Avrà parlato di spiritualità, di cristiani perseguitati nel mondo o magari di importanti questioni inerenti alla dottrina cattolica? Nulla di tutto questo, come di consueto ha prevalso il suo chiodo fisso: gli immigrati. Coloro che “affrontano viaggi rischiosi per sfuggire alla violenza, alla guerra, alla povertà”, e “sperimentano l’indifferenza, l’ostilità, non li lasciano sbarcare nei porti“. Alla solita invocazione delle porte aperte, Bergoglio ha dunque aggiunto una bella accusa ai governi cattivoni (sarebbe interessante sapere quali) che non si limitano ad accogliere tutti i clandestini.

“Mostrate amore ai migranti”

Gli immigrati “sono sfruttati da trafficanti criminali, sono trattati come numeri e come una minaccia da alcuni governanti, a volte l’inospitalità li rigetta come un’onda verso la povertà o i pericoli da cui sono fuggiti”, ha tuonato il Papa. Quindi, ai cristiani spetta il doveroso compito di “lavorare insieme per mostrare ai migranti l’amore di Dio”. E indovinate un po’ allora cosa dovranno fare, sempre secondo il Papa, i buoni cristiani? Non sperticatevi, è semplicissimo: accogliere gli immigrati. Perché “il tema di quest’anno, che è quello dell’ospitalità – ha detto Bergoglio- è stato sviluppato dalle comunità di Malta e Gozo, a partire dal passo degli Atti degli Apostoli che narra dell’ospitalità riservata dagli abitanti di Malta a San Paolo e ai suoi compagni di viaggio, naufragati insieme con lui”.

Il diritto allo sbarco

Sembra incredibile che un Pontefice si concentri quasi unicamente sul tema dell’immigrazione, insistendo sul diritto allo sbarco piuttosto che sull’importanza del diritto a non emigrare, alla base di qualunque auspicabile sviluppo sociale e miglioramento delle condizioni di vita di un uomo. Eppure la cantilena non cambia mai, come il disco rotto di un concept album sull’emigrazione come meta ideale. “In tutto il mondo uomini e donne migranti affrontano viaggi rischiosi per sfuggire alla violenza, alla guerra, alla povertà”, ha ribadito Papa Francesco. Ergo non è necessario aiutare queste persone nella loro terra d’origine, vanno anzi spinti verso improbabili Eldorado dove troveranno sconfinate praterie colme di floride speranze. Ovvero in Europa.

Eugenio Palazzini

9 Commenti

  1. Il vaticano è uno stato straniero.Questo incitare alla immigrazione illegale in un altro paese sovrano chiamato Italia si prefigura come un reato.In alternativa si prendano tutti gli arrivati in vaticano e non vengano a chidere a noi di ospitarli e pagarli.Con tutti i soldi che diamo al vaticano e le esenzioni IMU su immobili commerciali, è ora che paghino loro.In alternativa è da togliere ogni fondo garantito dai patti lateranensi allo stato di el papa, considerato da un Primate greco ortodosso un eretico da non seguire pena la perdizione totale.
    El papa ha dichiarato tra l’altro;
    -chi sono io per giudicare i gay(demolisce la famiglia cattolica)
    -meglio atei che cristiani ipocriti
    -la smettano i cristiani di fare figli come conigli
    -Gesu’ fa’ un po’ lo scemo e non è uno pulito(riferendosi ad una parabola)
    -La Madonna non è nata Santa(negando il dogma della sua natura immacolata)
    Si puo’ continuare per ore a elencare le assurdità ma speriamo che questa crisi totale nella chiesa venga presto superata dagli elementi ancora validi che vi sono in essa, anche se oggi emarginati

  2. Il Papa islamico straparla e non capisce che di sbarchi ne abbiamo avuti fin troppi ormai, e che non possiamo ospitare in Italia l’intera Africa ! Poi, dia l’esempio e faccia il buon samaritano anziche’ il fariseo, e ne accolga un bel numero…ad es. 1000 o quanti ce ne stanno in Vaticano, magari anche ristrutturando San Pietro a appartamentini per migranti ,,,solo allora sara’ credibile la sua lagna…

  3. Mi hanno detto che l’Inferno ha porti aperti per
    tutti, anche papi, vescovi e prelati, e posti accoglienti e ben riscaldati.

  4. Lui ha il diritto di ROMPERCI I COGLIONI …..
    abbiamo il diritto di mandarlo AFFANCULO ?????

    domandina di matematica per l’IGNORANTE Jorge …..

    è possibile travasare una damigiana in una bottiglia ??????
    facilitiamo l’ asino ….. almeno 50 litri in 75 cl (dove cl NON è comunioneliberazione)

    se rispondi SI ….. TORNA A SCUOLA GRETINO !!!!!!!!

  5. E voi sareste Cristiani?

    Ma chi siete per giudicare l’operato del Papa?
    Avete una statura morale così superiore da potervi permettere tutto ciò?

    O forse usate la parola di Dio ed i vostri giudizi a fini politici?

    Prima di ergervi a giudici universali, leggete il Vangelo :

    « Ama il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta l’anima e con tutta la tua mente. Questo è il più grande e il primo dei comandamenti. E il secondo è simile al primo: Ama il prossimo tuo come te stesso. Da questi due comandamenti dipende tutta la Legge e i Profeti » (Matteo 22,37-40 )

    Quando riuscirete a comprendere queste tre righe sopra citate, allora potrete esporvi.

  6. Stefano, prendo atto che hai una grande chiusura ;mentale e inoltre che citi 2 Comandamenti in modo PARZIALE e quindi a SPROPOSITO .
    Forse sei tu che dovresti approfondire lo studio dei TESTI SACRI (magari usando le Traduzioni esatte e complete) e poi, quando avrai letto l’INTERO COMANDAMENTO, comprenderai quale è il VERO SIGNIFICATO che , te lo prometto, ti scioccherà !!

Commenta