Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 15 mar – Stop al vaccino AstraZeneca in tutta Italia. E’ quanto deciso dall’Aifa in via precauzionale e temporanea, in attesa cioè di pronunciamenti da parte dell’Ema. L’Agenzia italiana del farmaco fa sapere che renderà “nota tempestivamente ogni ulteriore informazione che dovesse rendersi disponibile, incluse le ulteriori modalità di completamento del ciclo vaccinale per coloro che hanno già ricevuto la prima dose”.

Una decisione presa in linea con provvedimenti del tutto analoghi adottati da altri Paesi europei. Proprio oggi la Germania ha annunciato di aver sospeso la somministrazione del vaccino di AstraZeneca. Il ministro della Salute tedesco specifica che si tratta di una “scelta precauzionale” in vista di ulteriori analisi su gravi eventi avversi su persone vaccinate con il siero anti-Covid della casa farmaceutica anglo-svedese. Mentre in Francia ad annunciare la sospensione della somministrazione del vaccino AstraZeneca è stato direttamente il presidente della Repubblica, Emmanuel Macron. Anche in questo caso in attesa del parere dell’Ema.

Ieri Aifa rassicurava: “Allarme su AstraZeneca ingiustificato”

E dire che ieri Aifa aveva provato a rassicurare. “I casi di decesso verificatisi dopo la somministrazione del vaccino AstraZeneca hanno un legame solo temporale. Nessuna causalità è stata dimostrata tra i due eventi. L’allarme legato alla sicurezza del vaccino AstraZeneca non è giustificato”, scriveva l’Agenzia italiana del farmaco.

“Le attività di farmacovigilanza proseguono sia a livello nazionale che europeo in collaborazione con EMA, monitorando con attenzione possibili effetti avversi legati alla vaccinazione”, si leggeva nella nota dell’Agenzia. “AIFA rassicura fortemente i cittadini sulla sicurezza del vaccino AstraZeneca per una ottimale adesione alla campagna vaccinale in corso“. Ora però è arrivata la sospensione disposta da Aifa.

Il sequestro dei carabinieri del Nas

E sempre oggi i carabinieri del Nas, su disposizione della Procura di Biella, stanno eseguendo il sequestro di dosi del lotto ABV5811 AstraZeneca che l’Unità di crisi della Regione Piemonte ieri aveva sospeso in seguito al decesso del professore di clarinetto Sandro Tognatti, trovato morto nella sua abitazione poche oro dopo essersi vaccinato con il siero AstraZeneca. Al riguardo procura di Biella ha aperto una inchiesta, con le indagini coordinate dal procuratore Teresa Angela Camelio e dirette dal sostituto procuratore Paola Francesca Ranieri.

Alessandro Della Guglia

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

Commenta