Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 4 giu  – Un bus atac distrutto dalle fiamme in pieno centro, a Roma. E’ ormai uno spettacolo quasi tipico per i romani. Carlo Calenda, candidato sindaco per la Capitale, ci scherza su: “Sono andato a fuoco a anche io”.

Sangue di Enea Ritter

Bus in fiamme e nube di fumo

Le fiamme sono divampate su un bus Atac, della linea 2. “Prima il guasto, poi il fumo dalla parte posteriore, le fiamme e la coltre di fumo che da grigia diventa man mano una nube nera”, scrive Roma Today riportando la notizia.

Black Brain

Calenda “vittima” dell’incendio

E nella parte posteriore del bus che è stata investita dalle fiamme campeggiava proprio l’immagine di Calenda, immortalato in uno dei suoi manifesti elettorali. Il leader di Azione su Facebook decide di prenderla con umorismo: “Sono appena andato a fuoco insieme a un autobus“, scrive laconico, accompagnando alla sua frase un video dell’evento.

Una campagna elettorale … infuocata

Il bus è andato in fiamme oggi intorno alle 10. Si trovava all’altezza del palazzo della Marina del ministeo della Difesa, tra lungotevere delle Navi e via Flaminia, esattamente tra via Domenico Alberto Azuni e via Gaetano Filangieri. E, involontariamente, questo scenico – ed ennesimo – scempio su un mezzo Atac ha dato l’assist a uno dei candidati a primo cittadino di Roma. Non date questa idea alla Raggi, o ci ritroveremo come a tempi di Nerone.

Ilaria Paoletti

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta