Il Primato Nazionale mensile in edicola

Brescia, 3 gen – Siamo al centro commerciale di Boario Centro a Darfo, in Valcamonica. Un bar aumenta il prezzo del caffé di qualche centesimo, ma a quanto pare nell’Italia di oggi anche questo non è concesso. Perché il povero barista si è visto minacciare con il coltello da un avventore … un nordafricano già noto alle forze dell’ordine.

Il terrore tra gli avventori

Secondo quanto riporta il Giornale di Brescia, il tunisino ha iniziato a discutere con il dipendente del bar nel centro commerciale fino a tirare fuori un coltello. Gli altri avventori sono scappati via terrorizzati, urlando, e anche il povero barista è fuggito via.

L’intervento dei Carabinieri

A questo punto qualcuno ha chiamato le forze dell’ordine che, dopo un breve inseguimento nel centro commerciale, hanno arrestato il tunisino. A occuparsi della cosa sono stati i militari dell’Arma dei Carabinieri, arrivati nel centro commerciale con quattro gazzelle.

Ma non finisce qui

Il tunisino non si è comunque calmato perché a quanto sembra ha continuato a minacciare e urlare frasi insultati anche nei confronti dei Carabinieri.  Così i Carabinieri si sono trovati costretti a utilizzare lo spray urticante. E solo a questo punto il 52enne straniero si è placato, permettendo di essere arrestato. Dopo il fermo i militari dei Carabinieri hanno scoperto che il tunisino era già noto alle forze dell’ordine per vari precedenti penali. L’uomo è stato così arrestato per violenza e lesioni a pubblico ufficiale ed è stato messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del processo per direttissima.

Ilaria Paoletti

4 Commenti

Commenta