Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 7 lug – C’è anche Claudio Cirinnà, fratello della senatrice del Pd Monica Cirinnà, tra gli arrestati nella maxi operazione contro la camorra a Roma. La polizia giudiziaria coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia ha smantellato un vero e proprio clan criminale. Arrestati, su ordinanza emessa dal Gip del Tribunale di Roma, 28 presunti esponenti della famiglia Senese considerati responsabile di estorsione, usura, trasferimento fraudolento di valori, riciclaggio, autoriciclaggio e reimpiego di proventi illeciti. A questi reati va aggiunta l’aggravante di aver agito con metodo mafioso favorendo la camorra campana. Come detto, tra le persone arrestate c’è anche il fratello di Monica Cirinnà, già coinvolto in passato in un’inchiesta sul traffico di carburante tra diversi Paesi europei, adesso finito in carcere.

Claudio Cirinnà accusato di riciclaggio

“Apprendo con amarezza e dolore da notizie di agenzia che mio fratello sarebbe coinvolto in un’inchiesta giudiziaria. So pochissimo della sua vita travagliata, benché abbia sempre cercato di aiutarlo a mettere sulla giusta via la propria esistenza”, ha scritto su Facebook la senatrice Pd autrice della legge che ha introdotto in Italia le unioni civili. “Il fatto che avesse accolto in casa nostro padre novantenne – ha aggiunto la Cirinnà – mi aveva fatto sperare in un ravvedimento. Se così non fosse ne sarei addolorata e profondamente delusa. Mi auguro che la sua posizione venga chiarita al più presto”. L’accusa ipotizzata a carico di Claudio Cirinnà è di riciclaggio. Secondo gli inquirenti avrebbe reinvistito infatti capitali illeciti.

Alessandro Della Guglia

4 Commenti

  1. La piddina dice; “personale è il dolore che provo in questo momento. Chiedo pertanto che venga rispettato assieme all’intimità della mia famiglia”.
    Lei che parla di rispetto per se stessa quando è andata in giro offendendo chi crede nella famiglia e Dio con scritto “”Dio, Patria, Famiglia che vita de merda” non merita nessun rispetto per i suoi fatti personali.

  2. Ma, forse, il fratello riciclava denari per aiutare i movimenti LGBT, queste sono persone che ” amano “, l’odio non appartiene alla loro galassia di pensiero. La Cirinnà è un esempio di moralità che ha dato lezioni esistenziali ad intere generazioni di omofobi e razzisti, sembra che il fratello delinqua solo per ” Amore “, l’avidità è per i sinistrorsi è una caratteristica encomiabile. Non pensate male, e lasciatela legiferare in pace, adesso si sta occupando di ” regolamentare ” l’accesso all’utero in affitto, ci sono ” milioni ” di omosessuali in Italia che attendono il suo nuovo progetto di legge, quindi rispettate il suo dolore, (per essere stata smascherata), e lasciatela ponderare per il bene comune.